30 maggio 2015

I nostri consigli - Non-fiction

I modelli di consumo e di comportamento della società capitalista sono sempre più erosi alle fondamenta dalla crisi ambientale e di valori in atto. L'autore, una delle voci più autorevoli del nuovo ecologismo radicale americano, nei suoi libri analizza le fonti di tale crisi andando a ritroso nel tempo e scandagliando le primissime fasi di dominio dell'uomo sulla natura. Con uno sguardo liberissimo che spazia dall'antropologia alla psicanalisi, Zerzan dipana i nodi fondamentali dell'evoluzione dell'alienazione umana: agricoltura, numero, tempo, linguaggio, arte.
John Zerzan, Primitivo attuale, Stampa Alternativa 2004



Questo libro raccoglie alcuni tra i testi che Montaigne scrisse per ultimi, già in età avanzata. Disinvolto e disincantato, guarda alla propria vita senza amarezza né sentimentalismi, e come sempre il tema di partenza va preso in frantumi, lasciando il posto a un caleidoscopio di riflessioni e aneddoti. Spregiudicato e moderno, Montaigne scarta da un pensiero all'altro, arrivando a toccare gli aspetti più quotidiani della nostra vita, ed è proprio muovendo da uno di questi - l'appetito sessuale, la fame di Venere - che ci offre una delle più interessanti testimonianze sul modo in cui la sessualità e il rapporto tra uomo e donna erano intesi nel Cinquecento.
Michel de Montaigne, La fame di Venere, Fazi 2015


L'enorme attenzione che i pirati hanno ricevuto negli ultimi anni non si limita al grande schermo o al reparto giocattoli dei grandi magazzini. Questi "malfattori" di trecento anni fa hanno impregnato a fondo l'immaginario collettivo contemporaneo, riuscendo a creare una mitologia tuttora vitale. Nonostante la loro epoca d'oro sia collocabile tra il 1690 e il 1725, ancora oggi studiosi, scrittori, sceneggiatori e appassionati si dividono in accanite diatribe tra chi vede in loro degli audaci ribelli sociali, capaci di realizzare le prime forme di democrazia diretta, e chi invece li considera dei briganti crudeli e sanguinari. E in effetti furono entrambe le cose: sia fuorilegge sia uomini liberi che rifiutavano una società "legittima" oppressiva e altrettanto violenta.
Gabriel Khun, La vita all'ombra del Jolly Roger, Elèuthera 2015

Attraversando i confini fra epoche e letterature il libro illumina le diverse modalità di rapporto con il passato utilizzate dagli individui e dalle collettività, nonché i percorsi che portano alla costituzione di ciò che chiamiamo "patrimonio culturale". Percorsi che cambiano profondamente con la rivoluzione tecnologica. Che cosa significa infatti ricordare a seconda che si parli di libro a stampa, fotografia, scrittura digitale? Per rispondere, l'autrice indaga le funzioni della memoria culturale, concentrandosi sui mezzi grazie ai quali essa si conserva (scrittura, pittura, luoghi, il corpo stesso).
Aleida Assmann, Ricordare, Il Mulino 2014

29 maggio 2015

I nostri consigli

Lo sfavillante attore Étienne Marsant prima del suo infarto è stato una grande star del cinema. Oggi non beve più, non fuma più, non gira più film, sta a dieta e si annoia sotto lo sguardo severo della moglie e agente. Per sfuggirla, accetta di presiedere "Résistances", un festival cinematografico di seconda categoria che si tiene a Colombey-les-Deux-Èglises. A pochi chilometri di distanza, si apre il processo ad Abdelkader Fournier, un piccolo malvivente franco-argentino che ha rapinato una dozzina di banche, armato di un falso revolver e di molto fair-play. Il terribile Presidente della corte d'Assise è deciso a farlo rinchiudere a vita. I due avvenimenti entreranno in collisione quando l'avvocato deciderà di ritirarsi: tutto allora prenderà una piega assurda...
Hannelore Cayre, Come al cinema, Rubbettino 2015

Quando Shamil arriva al giornale trova la redazione in subbuglio: secondo una voce che sta facendo il giro del Paese i russi hanno innalzato un muro per isolare il Caucaso dal resto della federazione. La situazione diventa subito incandescente: manifestazioni e scioperi si susseguono giornalmente mentre i sostenitori dei movimenti islamici si scontrano con quelli dei partiti nazionali. Shamil vorrebbe continuare la sua vita come se niente fosse ma stenta a credere ai suoi occhi quando vede la fidanzata, Madina, indossare il velo e seguire i combattenti salafiti sulle montagne. Il sangue inizia a scorrere per le strade ma Shamil continua a esitare, non vuole scappare, fino a quando non è travolto dagli eventi.
Alisa Ganieva, La montagna in festa, La Nuova frontiera 2015

Il libro muove dall'arrivo di Maya, tre anni, e di suo fratello Bailey, quattro, a Stamps, nell'Arkansas. Spediti nel profondo Sud a casa della nonna, dopo la separazione dei genitori. È la stagione in cui i luoghi appaiono ancora sotto la luce magica dell'infanzia. Maya vive con la nonna e lo zio nel retro dell'Emporio di cui Momma, come è chiamata la nonna, è proprietaria da tempo e, tra granaglie per i polli, cherosene, lampadine e semi di fiori, gioca ininterrottamente con Bailey, come in un luna park senza guardiano. Nell'America degli anni Trenta, tuttavia, eroi e orchi, incanti e orrori accompagnano inevitabilmente l'esistenza di una bambina di colore.
Maya Angelou, Io so perché canta l'uccello in gabbia, Beat 2015


Nell'arco di pochi giorni Karl Ove Knausgard decide di dare un taglio netto alla propria vita in Norvegia e lascia il paese e la moglie Tonje per trasferirsi a Stoccolma. Lì stringe profonda amicizia con un altro esiliato norvegese, un intellettuale appassionato di boxe di nome Geir, e va dietro a Linda, una bella poetessa che l'aveva incantato anni prima a un workshop per scrittori. Secondo volume di sei del ciclo La mia battaglia.
Karl Ove Knausgard, Un uomo innamorato, Feltrinelli 2015

28 maggio 2015

I nostri consigli - Graphic novel

3 novembre 1957. Nel pieno della Guerra Fredda, è il caldo a fare danni: la temperatura nella capsula spaziale sovietica “Sputnik” II, anziché rimanere a sedici gradi come previsto, è salita a quarantuno. La piccola cagnetta Laika, lanciata in orbita con grandi speranze, ha finito così nel giro di poche ore la sua missione e la sua vita. Nel Cosmodromo di Baikonur, l’implacabile e inflessibile ingegner Sergej Pavlovič Korolëv, miglior progettista del Programma Spaziale Sovietico, è alla disperata ricerca di un’idea che faccia recuperare credibilità al progetto di esplorazione spaziale dell’URSS. Quell’idea si materializza in Iosif Vissarionovič Džugašvili, gorilla nato nello zoo di Mosca il giorno della morte di Stalin.
Davide Barzi, Fabiano Ambu, Josif - 1957, Rw-Lion 2015

Chi è Sinbad? Un marinaio? Un ladro? Un avventuriero? O un uomo che conosce i misteri della magia? Dietro la sua aria burlona da smargiasso, cosa si nasconde? Quale tragico passato l’ha segnato? Tante domande le cui risposte sono tutte custodite in questo splendido volume integrale.
Christophe Arleston, Audrey Alwett, Pierre Alary, Sinbad, Rw-Lion 2015







Nel 1520, Hernan Cortés affida a un gruppo di soldati e mercenari il furto del tesoro di Montezuma, senza sospettare la maledizione che lo protegge! Una nuova serie che mescola il fantastico con le storiche gesta dei Conquistadores nella terra degli Aztechi.
Jean Dufaux, Philippe Xavier, Conquistador Vol. 1, Panini Comics 2015







I racconti più belli ed evocativi del maestro del genere gotico e uno degli scrittori americani più influenti di sempre trasposti a fumetti dal genio di uno dei più premiati e amati fumettisti USA. Capolavori come Berenice, Ombra, La caduta della casa degli Usher e Il corvo prendono vita grazie al dettagliatissimo e terrificante pennino del maestro dell’orrore e vincitore del premio Eisner.
Richard Corben, Il Corvo e altri racconti, Panini-9L 2015

27 maggio 2015

I nostri consigli

Pubblicato per la prima volta nel 1968, questo romanzo è il seguito del capolavoro i Cortàzar, Rayuela: una storia caleidoscopica e multiforme, in cui l'azione può trascorrere simultaneamente a Parigi, Londra o Vienna, e i personaggi passano senza sforzo dal dialogo al monologo, in una continua ricerca di alternative esistenziali e letterarie. Nel capitolo 62 di Rayuela, l'indimenticabile Morelli - alter ego dell'autore - immaginava un libro in cui il lettore diventasse parte attiva della storia, portando la letteratura alle sue estreme conseguenze. Un libro che poi lo stesso Cortàzar scrisse, un libro componibile: Componibile 62, appunto.
Julio Cortàzar, Componibile 62, SUR 2015


Uno squillo nel silenzio della città. Una voce melliflua e minacciosa raggiunge Jean Daragane che scopre così di aver smarrito il suo taccuino. In una Parigi in bilico fra passato e presente, inizia a tessersi un'inquietante ragnatela che, come un'indagine del destino, porterà il protagonista ad affrontare verità che non voleva più ricordare.
Patrick Modiano, Perché tu non ti perda nel quartiere, Einaudi 2015






La campagna cristallizzata nel gelo invernale. Una fattoria da riaccomodare. Poi gli animali che abitano il pascolo, i boschetti, la palude. E le dieci oche della fattoria. Il mondo che Agnes si è scelta è tutto qui. Questi sono gli esseri viventi con cui è in contatto. Alle spalle si è lasciata un piccolo scandalo, un lavoro di prestigio e soprattutto un marito che sta seguendo le sue tracce con l'aiuto di un amico poliziotto, per riportarla a casa. Ma per quanto cerchi di tagliare i ponti con il passato, c'è qualcosa di oscuro e pericoloso da cui, forse, non riuscirà a liberarsi.
Gerbrand Bakker, La deviazione, Einaudi 2015



Ci sono segreti che vanno trasmessi di generazione in generazione, come una ricchezza. Questo romanzo comincia così, con un antico segreto che un padre consegna nelle mani della figlia diciassettenne. Noria è nata in una famiglia di mastri del tè, e sa che è giunto il momento di apprenderne i riti e le tradizioni. Sa anche che nel mondo in cui l'umanità si è costretta a vivere - un futuro non lontano in cui la terra non è che un arido paesaggio bruciato dal sole - il segreto che la sua famiglia custodisce è ancora più prezioso. Perché solo i maestri del tè conoscono l'ubicazione di sorgenti segrete d'acqua, un bene ormai ridottissimo. Ma i segreti, specie in un mondo disperato, non restano tali a lungo.
Emmi Itaranta, La memoria dell'acqua, Frassinelli 2015

26 maggio 2015

I nostri consigli - Non-fiction

Mosca, 14 aprile 1930. Intorno alle undici del mattino i telefoni si mettono a suonare tutti insieme, come indemoniati, diffondendo "l'oceanica notizia" del suicidio di Vladimir Majakovskij: uno sparo al cuore, che immediatamente trasporta il poeta nella costellazione delle giovani leggende. Per alcuni quella fine appare come un segno: è morta l'utopia rivoluzionaria. Ma c'è anche il coro dei filistei: si è ucciso perché aveva la sifilide; perché era oppresso dalle tasse; perché in questo modo i suoi libri andranno a ruba. E ci sono l'imbarazzo e l'irritazione della nomenklatura di fronte a quella "stupida, pusillanime morte", inconciliabile con la gioia di Stato. Ma cosa succede davvero quella mattina?
Serena Vitale, Il defunto odiava i pettegolezzi, Adelphi 2015


 La sfiducia nei confronti delle valute nazionali, il crescere di monete alternative e virtuali, le preoccupazioni ambientali per la produzione del denaro, il trionfo delle nuove tecnologie digitali, l'ondata di prove contro il contante, accusato di penalizzare i poveri più di chiunque altro. Tutto fa pensare che l'epoca del denaro fisico stia volgendo al termine. L'autore va alla ricerca delle persone, delle tecnologie, dei luoghi che per primi hanno aperto la strada all'idea di un mondo senza soldi.
David Wolman, The end of money, Laterza 2015




L'ermafrodito, simbolo di dannazione e di perfetta completezza di esistenza allo stesso tempo, è un fantasma culturale che attraversa tutto il mondo. La sua figura si trova, fra cronaca (spesso tragica) e fantasia (quasi sempre gloriosa, mitica) a tutte le latitudini. Le cronache e i miti narrati in queste pagine ripercorrono una figura del rimosso tra Oriente e Occidente, narrando un tema fascinoso e controverso e spesso considerato, ancora oggi, tabù.
Luca Scarlini, Ermafroditi, Carocci 2015





Intorno alla metà degli anni Trenta, il piccolo Henry Gustave Molaison comincia a soffrire di ripetute crisi convulsive, sviluppando un'epilessia farmaco-resistente. Quando il neurochirurgo William B. Scoville decide di sottoporlo, ormai ventisettenne, a un'operazione al cervello, il prezzo da pagare per la remissione delle crisi sarà, per Henry, il manifestarsi di una severa amnesia anterograda: l'incapacità, cioè, di ricordare le sequenze della sua vita successive all'operazione - al punto da salutare ogni giorno persone note come se le incontrasse per la prima volta. Da quel momento, Henry diventerà semplicemente H. M., l'acronimo più pervasivo e perturbante di tutta la letteratura neuroscientifica degli ultimi decenni.
Suzanne Corkin, Prigioniero del presente, Adelphi 2015

23 maggio 2015

I nostri consigli - Fotografia

L'esplorazione urbana è un genere fotografico unico, uno dei più impegnativi per via di ambienti bui, circostanze imprevedibili e vari pericoli legati alla sicurezza personale. La preparazione è cruciale e il tempo può essere limitato per mettere a segno grandi scatti. In questo libro, il fotografo Todd Sipes vi accompagna attraverso tutto ciò che dovete conoscere su composizione, ripresa ed elaborazione delle foto di luoghi abbandonati.
Todd Sipes, Esplorazione urbana, Pearson 2015




I fotografi della notte hanno accettato la sfida della lunga esposizione e delle condizioni di luce scarsa per sfruttare al massimo le opportunità creative offerte dall'oscurità. Ecco lo scopo principale di questo manuale. Lance Keimig, uno dei maggiori esperti di fotografia notturna, ha raccolto le sue competenze ed esperienze per permettervi di fotografare quei soggetti che avete sempre ritenuto impossibili.
Lance Keimig, Scott Martin, Fotografia Notturna, Il Castello 2011





Un'adeguata padronanza delle regole della composizione è indispensabile per realizzare fotografie efficaci. La capacità di riconoscere un'opportunità fotografica e di organizzare gli elementi grafici in un insieme riuscito è da sempre una delle qualità più apprezzate in un fotografo. La svolta digitale ha influenzato profondamente il modo di avvicinarsi alla fotografia, rivoluzionando le tecniche della composizione, sia per l'immediato feedback a disposizione, sia per le possibilità offerte dei software per l'elaborazione delle immagini. Grazie a questo libro chiunque potrà acquisire la capacità di scattare foto digitali memorabili.
Michael Freeman, L'occhio del fotografo, Logos 2009

Con il suo sguardo da fotografo e insegnante, Roswell Angier realizza un libro innovativo, che offre a studenti e lettori una panoramica esaustiva sul ritratto fotografico. Il volume combina in modo inedito gli aspetti teorici dell'argomento con quelli pratici e tecnici, corredando i testi con una selezione di ritratti significativi, sia canonici sia contemporanei. Ogni capitolo pone uno specifico obiettivo, che consente di esplorare i diversi aspetti del ritratto fotografico con un approccio al tempo stesso sistematico e sperimentale.
Roswell Angier, Educare lo sguardo, Zanichelli 2008

22 maggio 2015

I nostri consigli - Non-fiction

Il Secondo Impero crolla, Napoleone III viene fatto prigioniero e la Francia proclama la Terza Repubblica: è la vittoria delle armate di Bismarck che entrano vittoriose in una Parigi che tenta inutilmente di resistere all'assedio. E poi gli incandescenti giorni della Comune. Le conseguenze politiche e sociali dell'assedio prussiano, le cause dell'insurrezione e la sua repressione nel sangue vengono analizzate dall'autore in quella che è la più completa ricostruzione storica degli avvenimenti parigini del 1870-1871, con lo stile e la passione di una grande narrazione.
Alistair Horne, L'assedio e la comune di Parigi (1870-1871), Res Gestae 2015



Il 9 marzo 1916, truppe irregolari al comando di Pancho Villa attaccarono Columbus, nel Nuovo Messico, e il locale distaccamento del 13° reggimento di cavalleria statunitense, uccidendo 18 uomini e dando alle fiamme la città. Sei giorni dopo, il generale John J. "Black Jack" Pershing guidò in Messico una forza di spedizione di 4.800 uomini per catturare il comandante  guerrigliero. Seguì una serie di scontri, battaglie e cacce nel selvaggio territorio messicano. Questa campagna, durante la quale i militari nordamericani utilizzarono per la prima volta veicoli a motore, fu anche la prima esperienza di combattimento di un giovane tenente, George S. Patton.
Alejandro M. De Quesada, Caccia a Pancho Villa, Goriziana 2013


Nel nostro Paese si gioca a calcio dai tempi in cui Nietzsche baciò un cavallo a Torino. E, in quegli anni, una certa dose di follia e uno spirito anticonformista erano necessari anche per rincorrere in calzoncini una palla, sforzandosi di applicare le regole d'uno sport britannico chiamato association football. Quel gioco, per noi, è diventato nel tempo una faccenda maledettamente seria. Così, se si volesse eleggere un "padre del calcio italiano" non ci si accorderà mai: Bosio o il Duca degli Abruzzi? Kilpin, o Spensley? Per certo, furono tutti pionieri, e il gioioso contagio, originato a Torino e Genova, raggiunse ben presto ogni città del Paese, dando vita a squadre, competizioni e rivalità che ancor oggi infiammano i cuori.
Enrico Brizzi, Il meraviglioso giuoco, Laterza 2015

Nel 1614-1615, con una lunghezza di circa 3 km e mura alte 30 m, il castello di Osaka era la più grande piazzaforte del Giappone, difeso da 100.000 samurai, decisi a proteggere l'ultimo membro del clan, un tempo potente, dei Toyotomi. Il castello sembrava impenetrabile. Tokugawa Ieyasu, fondatore della dinastia che governerà il Giappone, era però deciso a distruggere quest'ultima minaccia al suo potere. Questo libro tratta l'aspra lotta tramandata con i nomi di campagna invernale e campagna estiva, che alla fine si decise con l'ultimo grande scontro tra samurai e stabilì l'equilibrio dei poteri in Giappone per gli anni a venire.
Stephen Turnbull, Osaska 1615, Goriziana 2014

21 maggio 2015

I nostri consigli - Non-fiction

Questo libro racconta i misteri, gli intrighi e gli scandali legati alla contraffazione, spesso reputato il crimine più affascinante. La storia della contraffazione è ricca di racconti che non hanno nulla da invidiare a un giallo, suggestivi e spesso bizzarri. Questo volume esamina le avventure e le disavventure di maestri falsari dall'antichità ad oggi, scavando in menti criminali guidate da un intrigante miscela di genio, orgoglio, vendetta, fame di successo, opportunismo, denaro e potere.
Noah Charney, The art of forgery, Phaidon 2015




 Che cosa accadde esattamente il 19 settembre 1980 alla base missilistica di Damascus, in Arkansas, nel silo sotterraneo che ospitava un Titan II a testata nucleare? Da cosa fu provocata la tremenda esplosione che, fortunatamente, costò la vita "solo" a un addetto alla manutenzione e il ferimento di una ventina di persone? Ma, soprattutto: fu quello l'unico caso in cui l'umanità rischiò di assistere a una nuova tragedia come quelle di Hiroshima e Nagasaki?
Eric Schlosser, Comando e controllo, Mondadori 2015





Il Giappone è il paese dei Mille Dei: la tradizione vuole che praticamente tutto abbia un'anima, inclusi oggetti creati dall'uomo, rocce e piante. Per districarsi all'interno di una tradizione folkloristica tanto ricca e variopinta, che comprende spiriti della natura, spettri, anime vaganti, demoni e divinità tutelari, ci vuole una guida d'eccezione. Dopo il successo della Enciclopedia dei Mostri Giapponesi, Shigeru Mizuki, uno dei primi autori riconosciuti del fumetto giapponese e profondo conoscitore della mitologia del suo paese, torna a raccontarci le storie delle misteriose creature del Sol Levante.
Shigeru Mizuki, Enciclopedia degli Spiriti Giapponesi, Kappalab 2015



"Conosciamo la fame, siamo abituati alla fame: abbiamo fame due, tre volte al giorno. Nelle nostre vite non esiste niente che sia più frequente, più costante, più presente della fame - e, al tempo stesso, per la maggior parte di noi, niente che sia più lontano dalla fame vera". Per comprenderla, per raccontarla, l'autore ha viaggiato attraverso l'India, il Bangladesh, il Niger, il Kenya, il Sudan, il Madagascar, l'Argentina, gli Statti Uniti, la Spagna. Lì ha incontrato persone che, per diverse ragioni, soffrono la fame. Questo libro è fatto delle loro storie, e delle storie di coloro che lavorano in condizioni molto precarie per mitigarla e di coloro che vi speculano sopra, affamando tanta gente.
Martin Caparròs, La fame, Einaudi 2015

20 maggio 2015

I nostri consigli

Il rapporto tra un padre e suo figlio esplorato con grazia e felicità, in una storia che racconta la bellezza e i mutamenti delle relazioni che scandiscono la nostra vita: la dolcezza inespressa di un padre verso il figlio, la tenerezza degli amanti, la crudeltà degli abbandoni. Come sfondo la Spagna di oggi e le lacrime di San Lorenzo, le stelle cadenti della notte del 10 agosto, un momento che segna nel romanzo lo scorrere del tempo e dei ricordi. Non è facile per un padre decidere se assecondare i sogni e le ingenuità del figlio, o se metterlo in guardi contro le disillusioni della vita reale.
Julio Llamazares, Le lacrime di San Lorenzo Codice 2015



Quattro parti, quattro narratori in prima persona: Angel, giovane reporter; Sergio, avvocato divorato dal vizio del gioco; Ernesto, giudice misantropo che si ostina nell'ennesima traduzione di Oscar Wilde; Luis Fiore, operaio che commette un omicidio inspiegabile. Quattro vite, ognuna ossessionata da qualcosa, che hanno un unico punto di intersezione: il delitto commesso da Fiore. Saer Scrive un romanzo a spirale, per ricercare attraverso la circolarità un'illusione di ordine che nel funzionamento del mondo non esiste, perché nel continuo conflitto tra caos e ordine "non sei tu che vinci, è il caos che accondiscende".
Juan José Saer, Cicatrici, La Nuova Frontiera 2012


Anche Jennifer ricorda la scena del film Schindler's list in cui il comandante nazista appena sveglio dall'alto del balcone sceglie prigionieri a caso nel campo di concentramento e spara con il fucile. Come tutti, anche lei nel vederla è inorridita. E ancora non sapeva che quell'uomo, Amon Göth, era suo nonno. Lo scopre per caso in biblioteca: Monika, la madre che l'aveva avuta da un soldato nigeriano e l'aveva data in adozione a poche settimane, era la figlia di Amon e della sua amante Ruth. In un secondo il mondo le crolla addosso: inizia a interrogarsi, a cercare in sé tracce del male, come se fosse ereditario, cade in una profonda depressione. Poi decide di risalire a ritroso la sua vita e ritrovare tutti i tasselli mancanti. Perché l'unico modo di superare il passato è affrontarlo.
Jennifer Teege, Amon, Piemme 2015

Forse nessuno torna da una guerra. Forse anche il ritorno a casa, per chi è stato bravo o fortunato a sufficienza, non è altro che un cambiare fronte, l'ingaggio di una nuova battaglia; forse non è altro che l'inizio di una nuova missione. Le storie qui raccontate rivelano la complessa combinazione di burocrazia, noia, cameratismo e violenza che compongono la vita quotidiana di un soldato in guerra; e la solitudine, il rimorso, la disperazione che accompagnano ogni uomo nella vita in tempo di pace.
Phil Klay, Fine missione, Einaudi 2015





19 maggio 2015

I nostri consigli - Non-fiction

I samurai sono l'incarnazione della tradizione marziale giapponese: eroi senza paura, che seguono il rigido codice del Bushido e preferiscono affrontare una terribile morte per harakiri piuttosto che conoscere il disonore della sconfitta. Eppure pochi sanno che in origine i samurai erano umili soldati di frontiera e guardi del corpo di ricchi signori, e solo nel corso dei secoli hanno acquisito sempre più potere, fino a diventare la classe dominante del Paese del Sol Levante, spesso più autorevole persino di shogun e imperatori. Un potere fondato sulla tattica militare, sull'estetica della guerra, sulla ferrea disciplina, ma anche su insospettabili intrighi di corte e su vendette sanguinose e spietate.
Jonathan Clements, La storia segreta dei samurai, Newton Compton 2015


Perché la gente crede in Dio? Non per i motivi che ci potremmo aspettare leggendo i soliti libri sull'argomento: non per l'efficacia dell'evangelizzazione, non per una profonda riflessione interiore, non per la condivisione di "prove" filosofiche. Le religioni possono essere molto diverse, ma i motivi più frequentemente citati sono molto simili e molto semplici. E forse per questo non erano stati, sinora, presi molto sul serio. Lo scopo di questo libro non è dimostrare l'inesistenza degli dei, né un attacco alla religione e alle credenze degli individui. È invece una rispettosa replica alle persone che condividono pubblicamente i motivi per cui credono in dio.
Guy P. Harrison, 50 motivi per cui si crede in Dio, 50 ragioni per dubitarne, Nessun Dogma 2015

Perché crediamo in quello che crediamo? Perché il nostro cervello ci spinge a farlo. È infatti una sorta di motore di credenze: raccoglie informazioni dai sensi, e con naturalezza genera convinzioni che si incanalano in schemi predefiniti e che ci sembrano perfettamente plausibili. Così plausibili che siamo pronti a difenderle a oltranza. Anche quando non lo sono, e anche quando tutti - a partire dagli scienziati - le ritengono estremamente improbabili. Nessuno può considerarsi immune da questo rischio, che pervade ogni ambito della vita umana: religione, politica, economia...
Michael Shermer, Homo credens, Nessun Dogma 2015



Un numero impressionante di persone si nutre di credenze assurde e ridicole. Perché? Perché chiunque può finire per crederci. Astrologia, sensitivi, profezie di Nostradamus... pensate che basti essere persone istruite e acculturate per restarne alla larga? La risposta è un sono "no". Esistono infatti molti trucchi retorici che possono trasformare un insieme di idee in una trappola psicologica, nella quale si è invogliati a entrare ma dalla quale è poi quasi impossibile uscire. Anche se non lo pensate, anche voi siete vulnerabili a credenze irragionevoli, ed è per questo che dovete dotarvi di difese immunitarie adeguate.
Stephen Law, Credere alle cazzate, Nessun Dogma 2015


18 maggio 2015

I nostri consigli

Tutto comincia con l'amore, questa "esplosione solare che ti distrugge la vita e rende abitabili i deserti", ma che con il tempo può raffreddarsi diventando un banale martedì. È allora che Ari, poeta di vocazione ed editore di successo, manda tutto in frantumi, tradisce sua moglie e i tre figli e fugge dall'Islanda. È allora che sua nonna Margrét, un secolo prima, ritorna dal Canada piena di sogni e libertà, si toglie il suo vestito americano per il marito che si è scelta, ma si ritrova soffocata da un villaggio di pescatori che destina l'uomo al mare e la donna alla solitudine. Ed è l'urgente ricerca di se stessi e della felicità a guidare questa insolita storia famigliare, che procede a flashback nel tempo e attraverso i due angoli opposti d'Islanda.
Jon Kalman Stefansson, I pesci non hanno gambe, Iperborea 2015

In Giappone la parola "sacerdote" significa "colui che lascia la famiglia ed entra nell'assenza della famiglia". Comprendere il senso di una rinuncia così radicale può essere complicato per chiunque, ma per Seido Oda è un'impresa davvero proibitiva. A undici anni viene iniziato al sacerdozio nel tempi o buddhista della Preghiera Perpetua: è così costretto a dire addio al suo villaggio, al ryokan di famiglia, a suo padre, a sua madre. Dopo anni di dolore inconsolabile a causa della morte della famiglia per un incendio, il reverendo Fukuyama gli chiede di diventare il sommo sacerdote di un nuovo tempio da costruire a Brooklyn, New York, dove Seido Oda imparerà a guardare nell'animo delle persone, fino al momento in cui si sentirà di nuovo pronto per ascoltare anche se stesso.
Richard C. Morais, Il Buddha di Brooklyn, Neri Pozza 2015

In questo libro, la vita di un burbero broker nella New York di fine Ottocento viene raccontata con ironia da un figlio molto perspicace. Irritabile ed esigente, non c'è occasione in cui l'uomo non inveisca contro qualcuno o qualcosa: che siano i suoi impiegati, la cuoca, la moglie, le vacanze e persino il cavallo, tutti sono colpevoli di fallibilità. Ciò lo rende comico e persino adorabile agli occhi dei suoi familiari, al di là del suo caratterino. Ne viene fuori il ritratto irresistibile di una famiglia e di una intera società in trasformazione.
Clarence Day, Vita col padre, Elliot 2015




Muovendosi nell'ambito di un genere poliziesco a carattere legale, l'ex procuratore nonché avvocato Hamao Shiro ci racconta di intricate relazioni umane dove il movente sentimentale dei delitti si combina a un'analisi sociale acuta e disincantata, infondendo ai propri racconti una profondità e un'unicità assoluta nel panorama del noir giapponese dei primi anni Trenta.
Hamao Shiro, Il discepolo del demonio, Atmosphere Libri 2015

17 maggio 2015

I nostri consigli - Graphic novel

Il soldato Mallory Grennan ha fatto cose nel carcere militare di Abu Ghraib che ora vorrebbe non ricordare. Dopo essere stata congedata, Mal è tornata a casa per iniziare una nuova vita. O almeno ci ha provato. Il senso di colpa è difficile da lasciare alle spalle, così come la morte, e la violenza lascia dietro di sé una macchia scioccante come un'impronta digitale insanguinata.
Joe Hill, Jason Ciaramella, Vic Malhotra, Thumbprint, Panini Comics 2014






Ripercorrere questo lavoro, adesso, rende manifesto come Black Orchid - al pari di altri capolavori - sia uno di quei libri che hanno contribuito a creare uno spartiacque nella storia del fumetto moderno; ha rappresentato la nascita di un nuovo tipo di coraggio e di una diversa aspettativa all'interno di questo mezzo d'espressione. Ma in un certo senso, Black Orchid cerca di andare perfino oltre questi altri lavori che hanno segnato un punto di svolta, rendendo esplicito che, per quanto audaci, per quanto intelligenti, per quanto alla moda possano essere i nuovi fumetti, la maggior parte di loro finiscono per fare ricorso ai soliti canoni narrativi e morali; in questo volume accade qualcosa di completamente diverso.
Neil Gaiman, Dave McKean, Black Orchid, Rw Lion 2012

Un vostro caro è morto in un incidente e non sapete come superare la tragedia della sua scomparsa? Niente paura, la Reconnect ha la soluzione ai vostri problemi! Sempre che, naturalmente, possiate permettervelo... Perché quello che offre è un servizio molto esclusivo: può infatti prevenire il problema mandando qualcuno nel passato a salvare la vittima pochi istanti prima che diventi tale. Come in ogni thriller che si rispetti, però, qualcuno sta nascondendo qualcosa, e chiunque ne venga a conoscenza rischia la vita.
Ed Brisson, Michael Walsh, Comeback, Panini Comics 2014




Immaginate che gli Dei della mitologia classica siano stati costretti a rinunciare all’Olimpo e a scendere sulla Terra come comuni mortali, senza i loro poteri ma ancora immortali: come cambierebbe la storia dell’umanità? E cosa accadrebbe se uno di loro a un certo punto morisse?
Emmanuel Herzet, Rafa Sandoval, I figli di Prometeo, Panini Comics 2015

15 maggio 2015

I nostri consigli

Questo è il diario di una Bridget Jones molto francese, che tratta i principi essenziali, i fatti rilevanti, i luoghi decisivi e gli oggetti ben archiviati di un corteggiamento pieno di ostacoli, malintesi, flirt, esitazioni... e tutto quello che serve a una storia d'amore romantica. Per metà diario ironico e disastroso, per metà spassionato resoconto di un'ossessione, questo libro si legge come un romanzo e si consulta come una grammatica di quella calamità ordinaria e misteriosa che è l'innamoramento.
Monica Sabolo, Tutta questa storia non ha niente a che vedere con me, Mondadori, 2015



David Lamb, attraente uomo di mezza età, sta vivendo una profonda crisi: dopo la perdita del padre e il fallimento del proprio matrimonio, ha bisogno di una svolta. Spera di riuscire a riconquistare un po' di fiducia in se stesso e nella propria bontà dedicandosi all'undicenne Tommie, una goffa ragazzina incontrata per caso. È convinto di poterla aiutare a sfuggire allo squallore e all'apatia della vita cui sembra destinata, iniziandola alla bellezza della natura incontaminata. La persuade in gran segreto ad affrontare con lui un viaggio in auto che da Chicago li condurrà in una baita sperduta sulle Montagne Rocciose. Tra Lamb e Tommie si instaura presto un rapporto ambiguo, e l'esperienza che finiranno per vivere cambierà entrambi.
Bonnie Nadzam, Lamb, Clichy 2015

I silenzi della bella ed enigmatica Ruyu, l'entusiasmo ingenuo di Moran, la spavalderia di Boyang. Tre adolescenti che condividono la vita nel cortile comune di un caseggiato di Pechino, nel 1989, subito dopo le proteste e gli scontri di piazza Tienanmen. A vent'anni di distanza, si troveranno sparpagliati tra le due coste degli Stati Uniti e la capitale cinese, ora in piena crescita economica. Sarà il riemergere di un segreto dal loro passato a farli incontrare di nuovo.
Yiyun Li, Più gentile della solitudine, Einaudi 2015




Che eredità può attendersi che è privato della terra-madre? La risposta si trova nei personaggi di questo straordinario romanzo, la cui protagonista è Zeinab - giovane antropologa newyorkese di padre palestinese e madre americana - che "ritorna" in una patria mai visitata prima se non nei sogni e nei racconti paterni. Sahar Khalifa accompagna con una mirabile scrittura la giovane donna nel suo viaggio dentro un mondo altrettanto desiderato quanto temuto che si rivela più complicato e conflittuale di come lo avesse mai potuto immaginare. Lo sguardo di Zeinab spazia sulla terra degli avi e sulle persone che incontra, tentando di catturarne il senso profondo per capire se stessa e comprendere finalmente l'eredità che le è destinata.
Sahar Khalifa, L'eredità, Ilisso 2011