27 febbraio 2015

I nostri consigli - Non-fiction

Il saggio affronta un tema assai rilevante nella storia della Chiesa e in generale dell'Italia moderna. Si tratta della parabola che ha portato la Chiesa della Controriforma a proibire la lettura personale delle Sacre Scritture, un atto che ha molto influito sulla spiritualità cattolica, e contribuito ad approfondire la divisione fra Europa cattolica e protestate, facendo sì che tutto gli italiani non leggano la Bibbia.
Gigliola Fragnito, La Bibbia al rogo, Il Mulino 2015





Nel 1992 un gruppo di neuroscienziati dell'Università di Parma annunciò la scoperta di una nuova classe di cellule nella corteccia motoria dei macachi. Queste cellule, in seguito battezzate "neuroni specchio", rispondevano allo stesso modo sia che la scimmia compisse in prima persona un'azione motoria, sia che osservasse un'altra scimmia compiere quell'azione. L'idea si dimostrò talmente seducente che presto si moltiplicarono gli studi che tentavano, partendo dai neuroni specchio, di spiegare una moltitudine di fenomeni: l'evoluzione del linguaggio, l'empatia umana, le basi dell'autismo... forse troppi. Hickok riesamina criticamente l'intera vicenda, sostenendo che le basi teoriche dei neuroni specchio in realtà non reggono di fronte all'evidenza, e proponendo spiegazioni più promettenti e plausibili.
Gregory Hickok, Il mito dei neuroni specchio, Bollati Boringhieri 2015

Scritto nel 1932, questo libro è un memoir in cui la famosa aviatrice racconta la nascita del suo interesse per il volo e le avventure che la portarono a ottenere ben sedici record mondiali. Un'eroina diventata un mito nella cultura anglosassone, tanto da ispirare libri, film, serie tv e canzoni. Coraggiosa avventuriera, dalla sua scomparsa - avvenuta mentre tentava la circumnavigazione del globo - divenne un simbolo di perseveranza e passione nella coscienza femminile, uno stimolo per le donne volenterose di intraprendere carriere considerate principalmente maschili. Uno spirito libero che cercò di incoraggiare le giovani donne a seguire i propri sogni.
Amelia Earhart, Felice di volare, elliot 2015


Sul finire degli anni Sessanta si materializzano in Italia, nell'area del triangolo industriale e sullo sfondo del lavoro di fabbrica, gang giovanili che evolvono rapidamente in temibili "batterie" di rapinatori. La linea di condotta dei banditi metropolitani è tutt'altro che estranea ai modelli culturali dei quartieri operai e il loro stile esistenziale assolutizza quell'impazienza e assenza di mediazione che caratterizzerà le generazioni degli anni Settanta. Nel gergo pokeristico "andare ai resti" significa giocarsi tutto: in questo modo i rapinatori ostentano l'imbocco di una strada senza ritorno, una "visione del mondo" fatta propria per oltre un decennio dalla "meglio gioventù" e formata attraverso la rielaborazione esistenziale dell'immaginario della ribellione.
Emilio Quadrelli, Andare ai resti, Derive e Approdi 2015

26 febbraio 2015

I nostri consigli

Ike, immigrato nigeriano che vive a New York, è convinto di aver toccato il fondo. Nonostante una laurea in economia conseguita presso un prestigioso college, il suo marcato accento gli impedisce di trovare il lavoro che ha sempre desiderato. Costretto a guadagnarsi da vivere facendo il tassista, non riesce a sopportare il peso del divorzio mentre la madre, vedova in Nigeria, chiede a gran voce il suo aiuto. Intrappolato in una parabola discendente, devastato dagli effetti dell'alcol e del gioco, un giorno Ike riceve da un amico un articolo di giornale in cui scopre l'esistenza di una particolare galleria d'arte, specializzata nel commercio di divinità esotiche: decide così di trafugare e rivendere la statua dell'antico dio guerriero del suo villaggio natio.
Okey Ndibe, Il prezzo di Dio, Clichy 2015

Dopo anni di faticoso equilibrismo, tra un articolo e un lavoretto, Nathaniel Piven ce l'ha fatta. Ha appena firmato un contratto per pubblicare il suo primo romanzo, ma soprattutto ha scoperto che quelle qualità che l'avevano condannato a un'adolescenza di scatenate letture e  sessioni di autoerotismo, oggi l'hanno trasformato in un desiderabile trentenne sul mercato sentimentale della scena letteraria di New York. Ma Nate è "il prodotto di un'infanzia post-femminista negli anni '80 e di un'istruzione universitaria politicamente corretta negli anni '90", e la sua ipersensibile, iperattiva coscienza sa come si tratta una donna, come non ci si approfitta dei privilegi che una società ingiusta ancora concede agli uomini. O almeno così crede lui.
Adelle Waldman, Amori e disamori di Nathaniel P., Einaudi 2015

Conducendo la sua inchiesta su "quella piccola setta ebraica che sarebbe diventata il cristianesimo", Carrère fa rivivere davanti ai nostri occhi gli uomini e gli eventi del I secolo dopo Cristo quasi fossero a noi contemporanei, riuscendo a trasformare tutto ciò "in un'avventura erudita ed esaltante, un'avventura screziata di autoderisione e di un sense of humor che per certi versi ricorda il Monty Python". Al tempo stesso, Carrère ci racconta di sé, e di sua moglie, della sua madrina, di uno psicoanalista sagace...
Emmanuel Carrère, Il Regno, Adelphi 2014




Pakistan, Lahore. Un giorno come tanti, Daru - 30 anni, funzionario di banca - litiga con un cliente importante e finisce licenziato in tronco. È l'inizio di un declino vertiginoso e inesorabile. Sopraffatto dai debiti e dalla rabbia, Daru perde il suo posto nella nuova élite pakistana sedotta dai riti e dai miti dell'Occidente. Mentre, al riparo di inaccessibili ville, il moderno jet set nazionale passa da un party all'altro, lui, offuscato dal calore soffocante di un'estate alla quale non può più sfuggire, si perde nell'amore per la bellissima e inquieta Mumtaz, moglie del suo miglior amico, e si distrugge tra i fumi dell'hashish e dell'eroina, che inizia a spacciare nei salotti della buona società. E si brucia, come le falene che guarda morire al fuoco delle candele nelle lunghe notti di solitudine.
Mohsin Hamid, Nero Pakistan, Piemme 2015

23 febbraio 2015

I nostri consigli - Graphic novel

Un bizzarro oltremondo colonizzato dagli umani in qualche momento del ventiduesimo secolo, rapidamente divenuto l'ambita fonte di terra fertile e risorse naturali da tempo esaurite sulla Terra. In questa nova frontiera, un pistolero vagabondo e la sua spalla vagano per le terre strette nella morsa della guerra civile, incontrando fuorilegge, indigeni e le perversioni della civilizzazione in un mondo sospeso tra passato e futuro. Il fatto è che suddetto pistolero è un gorilla geneticamente potenziato dotato di enormi revolver che non appartiene a nessuno dei due mondi.
Simon Spurrier, Jeff Stokely, Six-gun Gorilla, Bao 2014



Richard Mayhew è un uomo comune, con un lavoro comune e sta vivendo una vita assolutamente comune, ma un giorno fa qualcosa di straordinario: si ferma ad aiutare una misteriosa ragazza ferita per le strade di Londra e questo gesto cambierà la sua vita. La ragazza si chiama Porta ed è originaria di Londra Sotto, fantastica e pericolosa metropoli che si estende al di sotto della città di superficie. Quando la ragazza lo attira in questo bizzarro e oscuro paese delle meraviglie, il giovane scoprirà che a Londra Sopra nessuno si ricorda di lui, come se non fosse mai esistito e ora dovrà superare chissà quanti rischi e assurde prove per riavere la sua vecchia vita.
Neil Gaiman, Mike Carey, Gleen Fabry, Nessundove, Lion 2014

La moglie di Orson Gage era un gente di polizia ed è morta durante una rapina. Gage è distrutto dal dolore, ma è anche pieno di rabbia e desiderio di vendetta. Gli uomini coinvolti nella rapina, perciò, dovranno pagare con la loro vita. Tutti. E Gage ha alcuni ganci che potrebbero fornirgli l'aiuto necessario per portare a compimento la sua missione. Lungo il proprio cammino però, dovrà chiedersi se davvero sarà possibile placare il proprio dolore. E se, per ottenere le risposte che cerca, dovrà davvero eliminare tutti coloro che sono coinvolti nella morte di sua moglie. Tutto ciò sarà sufficiente per trovare pace?
Justin Jordan, Matteo Scalera, Moreno Dinisio, Dead Body Road, Saldapress 2014


Il Diacono Blackfire, un carismatico sciamano, ha riunito i senzatetto di Gotham City in un esercito per combattere il crimine. Ma il suo vero piano è ben diverso, e il Cavaliere Oscuro corre un enorme pericolo. Riuscirà a sventare il piano del Diacono Blackfire? 
Jim Starlin, Bernie Wightson, Batman: La setta, Lion 2014

20 febbraio 2015

I nostri consigli

È la voglia di rivoluzionare il mondo che i bohémien di Nescio hanno in comune con i ragazzi di tutti i tempi, hippy ante litteram in una Amesterdam di inizio Novecento, in rivolta contro un sistema che esige routine, lavoro e successo. Sono "giovani Titani" che inseguono i propri sogni, illusi che il semplice astenersi dal gioco, la loro stessa povertà, la scelta di dedicarsi all'arte quel continuare a desiderare, senza sapere bene cosa, siano già un segno di vittoria, uno strumento per sconfiggere un mondo che finirà invece per fagocitarli o espellerli. Racconti di vite che si accendono in dialoghi così essenziali da far pensare a Beckett, con un'ironica e brillante leggerezza che maschera appena la costante malinconia di fondo.
Nescio, Storie di Amsterdam, Iperborea 2015

Marcos è uno studente modello di Belle Arti, schivo e intelligente. Helena è la sua affascinante professoressa di Storia dell'arte e direttrice della galleria in cui esporrà Jacobo Montes, il grande performer e artista sociale, la cui opera controversa denuncia i lati oscuri del capitalismo. Marcos diventa l'assistente di Montes e la sua vita cambia radicalmente. Comprende i meccanismi interni al mondo dell'arte contemporanea e impara a guardare con occhi nuovi tutta una serie di situazioni che fino a quel momento aveva ignorato: in particolare l'universo dell'immigrazione, il tema della nuova opera di Montes.  I metodi di Montes però non si possono definire ortodossi, e quando dalla teoria si passa alla pratica le cose sembrano andare fuori controllo...
Miguel Angel Hernàndez, Tentativi di fuga, edizioni e/o 2015

"Certi uomini forti non sono soli nella solitudine, ma io che sono debole, sono solo quando non ho nessun amico," dice il protagonista Victor Baton, un eroe dostoevskiano, eterno adolescente, mediocre, inetto, pusillanime, che cerca disperatamente l'amicizia e l'amore facendo di tutto per ispirare compassione e tenerezza. Le varie amicizie, di donne e di uomini, sulle quali viene scandito in capitoli il libro, sono storie di fallimenti. Baton, reso invalido dalla Grande guerra, nel suo vagabondare per una Parigi poetica e merginale immagina rapporti bellissimi e grandi amicizie, irreparabilmente votato alla sconfitta e alla delusione. Un "eroe" moderno che soffre proprio perché si ostina, nonostante tutto, a sperare e a illudersi.
Emmanuel Bove, I miei amici, Feltrinelli 2015

Princeton, New Jersey, inizio del Ventesimo secolo: un luogo ideale per la tranquilla vita di famiglia, un posto elegante per gente elegante. Ma qualcosa di oscuro e pericoloso sta in agguato ai confini della città. Un veleno maledetto è pronto a diffondersi per contagio tra gli abitanti: vampiri e fantasmi popolano senza tregua i sogni degli innocenti. È la fine dell'inverno, la vigilia del Mercoledì delle ceneri, quando una potente maledizione si abbatte sulla giovane discendenza delle famiglie più in vista della città, e le loro figlie iniziano a scomparire... Un grande affresco storico dell'America di inizio Novecento: gli scrittori, i politici, gli uomini più carismatici che hanno fondato il prestigio e la grandezza degli stati uniti, raccontati con l'ispirazione più felice.
Joyce Carol Oates, Il maledetto, Mondadori 2015

19 febbraio 2015

I nostri consigli - Non-fiction

Metà cannocchiale e metà astrolabio, il sestante ha condensato secoli di sviluppo tecnologico, accelerando il corso della modernità e modificando la nostra percezione dello spazio e del tempo. Dall'istituzione della Royal Society di Londra nel 1660 al problema della determinazione della longitudine; dal quadrante di Davis a John Hadley, e fino alla missione scientifica di James Cook, che nel 1768 parte con l'obiettivo di esplorare il Pacifico del sud, i protagonisti di questo racconto sono matematici, astronomi, navigatori filosofi, re e artigiani; e uno strumento misterioso, a lungo sottovalutato, senza il quale il mondo sarebbe molto diverso da come lo conosciamo.
David Barrie, Il viaggio del sestante, Rizzoli 2015


Lo sappiamo: l'uomo è ciò che mangia. Ma che cosa mangia? come lo mangia? quando? come? con chi? E, così facendo, che tipo di uomo diventa? Ecco una serie di domande a cui questo libro prova a fornire delle risposte. Nella convinzione che, per poter fare una buona comunicazione sul cibo, la cucina, l'enogastronomia, occorra innanzitutto conoscerne gli aspetti culturali e storici, filosofici e semiotici.
Gianfranco Marrone, Buono da pensare, Carocci 2014





Nell'anno 1789 la colonia francese di Santo Domingo forniva alla madrepatria i due terzi del suo commercio internazionale e rappresentava il massimo mercato della tratta europea degli schiavi. Era la colonia più fiorente del mondo. Nell'agosto 1791 scoppiò sull'isola la rivolta degli schiavi, che si sarebbe protratta per i successivi 12 anni e sarebbe sfociata, nel 1803, nella dichiarazione d'indipendenza di Haiti. Storicamente, l'insurrezione antillese è la prima rivolta contro la schiavitù a conoscere un esito positivo; la prima forma di indisciplina di massa contro l'uomo bianco e la sua dominazione coloniale; il primo indelebile scacco degli eserciti nazionali di fronte a una moltitudine di schiavi.
Cyril Lionel Robert James, I giacobini neri, Derive e Approdi 2015

Il Great Eastern, varato nel 1858, progettato per compiere traversate tra la Gran Bretagna e l'India senza fare rifornimento di carbone nel corso del viaggio: era dotato delle ruote a pale e dell'elica più grandi che gli oceani avessero mai visto e di una superficie velica di enormi dimensioni. La sua costruzione, avvenuta all'interno di un'ansa del Tamigi, fu un'impresa titanica che coinvolse un imponente numero di persone tra progettisti, tecnici e operai. Molti persero la vita e molti altri si rovinarono finanziariamente per sostenere un progetto colossale e minato fin dall'inizio da una sorte avversa. Un'avvincente saga tra incredibili record e grandi tragedie, ma che ha comunque segnato una svolta fondamentale nella storia della navigazione.
James Dugan, La grande nave di ferro, Mursia 2012

16 febbraio 2015

I nostri consigli - Racconti

Il capolavoro di un maestro della letteratura francese. Uno dei più celebrati racconti del mistero - considerato da Borges tra le storie cardine del Novecento - in una nuova edizione composta da cinque racconti, tre dei quali inediti inItalia, sui temi della paura e del destino, dell'inquietudine e del perturbante.
Julien Green, Viaggiatore in terra, Nutrimenti 2015






Questo libro è un viaggio di esplorazione nell'anima di personaggi plasmati dalle forze della Storia. Il talento dell'autrice consiste nel comunicare a chi legge questi racconti le emozioni dei vari personaggi, anche quando sono lontanissimi dall'esperienza personale, dal mondo in cui si vive, dai problemi che si affrontano quotidianamente.
Molly Antopol, Luna di miele con nostalgia, Bollati Boringhieri 2015






I racconti che compongono questo libro sono, in  un modo o nell'altro, storie di persone che si sentono poco a proprio agio con il destino che è toccato loro in sorte: uno studente che deve prepararsi per un esame incontra un enigmatico e avventuriero contrabbandiere, un impiegato di un sanatorio perso nella pampa scopre che il dolore dei pazienti può essere usato per produrre energia elettrica, un giovane campagnolo che ha sempre sognato di vedere una grande città da vicino o un uomo che sfugge al suicidio imminente perché accetta la proposta di dormire per cent'anni.
Adolfo Bioy Casares, L'Eroe delle Donne, Cavallo di ferro 2009



Avvolti da cupe atmosfere kafkiane, ma sempre venati da un'inconfondibile ironia yiddish, questi racconti si riuniscono in un solo vivo organismo grazie alla scrittura di Manea, capace di un'ampia varietà di registri, preciso e sfumato, allusivo e impetuoso, uno stile che proietta su oggetti e volti la luce simbolica della parabola e del sogno. Nel vortice continuo e inestricabile delle immagini, il dato biografico si intreccia alla Grande Storia, mentre l'autore si fa interprete del dramma umano dello sradicamento, fisico ed emotivo.
Norman Manea, Varianti di un autoritratto, ilSaggiatore 2015

13 febbraio 2015

I nostri consigli - Graphic novel

Un uomo con seri problemi di memoria, che per lo più non gli pesano, decide di regalarne una nuova alla nonna, di memoria, che perde giorno dopo giorno i ricordi più preziosi. Si imbarcherà in un viaggio surreale, con partenza dai Navigli di Milano, verso un destino non scontato, lungo un percorso di presa di coscienza allo stesso tempo tenero e doloroso.
Sergio Gerasi, In inverno le mie mani sapevano di mandarino, Bao 2014






A metà degli anni Novanta i giovani Tricky Fingers - Sandro alla voce, Yvan ai testi e alla chitarra, JB al basso e Frank alla batteria - sognano di sfondare nel mondo del rock'n'roll. Diociott'anni dopo JB vende surgelati, Frank gestisce un ristorante e Yvan tira avanti come un eterno adolescente, terrorizzato all'idea di affrontare la vita. Solo l'ambizioso e carismatico Sandro è riuscito a diventare una rockstar, e invita i vecchi compagni di band a una rimpatriata nella sua sontuosa tenuta inglese. È l'occasione per la resa dei conti; il momento in cui vent'anni di vittorie, di fallimenti, di ferite ancora aperte e di segreti mai svelati vengono finalmente a galla.
Zep, Cose da uomini, Rizzoli Lizard 2015


Punch and Judy, lo spettacolo di burattini più famoso d'Inghilterra, diventa, nelle mani di Neil Gaiman e Dave McKean, l'intelaiatura per una riflessione sulla memoria, il tradimento e la perdita dell'innocenza, in un libro che ha la statura del classico moderno.
Neil Gaiman, Dave McKean, La tragica commedia o la comica tragedia di Mr. Punch, Edizioni BD 2014






Il tempo digitale rievoca ogni presenza stratificata nei nostri ricordi, e la lussuria dell'invecchiamento applica patine di altre epoche alla contemporaneità. Questo diario, in forma di romanzo allucinato, cerca di destrutturare e comprendere il senso del fantastico che la costruzione postuma assegna a ogni periodo storico. 
Gianluca Nicoletti, Roberto Ronchi, Il libro infame, Tunué 2013

10 febbraio 2015

I nostri consigli - Non-fiction

Il silenzio personificato come nell'Orlando furioso di Ariosto; il silenzio meravigliato del montanaro che - in una similitudine della Divina Commedia - 'ammuta' quando vede per la prima volta la città; il religioso silenzio di Chiara d'Assisi e quello 'sfavillante' che Elsa Morante coglie nello stupore infantile; il silenzio come reazione all'indicibile crudeltà in Primo Levi. Quante parole può nascondere un silenzio? Moltissime, soprattutto quando è d'autore, carico di significati che vanno oltre quelli veicolati dalla lingua. L'autrice attraversa le pagine letterarie più note sul silenzio, dalla classicità greco-latina fino alla letteratura dei nostri giorni, lungo un percorso che rivela ciò che l'assenza di parole può dire.
Bice Mortara Garavelli, Silenzi d'autore, Laterza 2015

Individualismi di ogni tipo imperversano oggi sulla scena sia pubblica sia privata, mentre vecchi soggetti collettivi, come partiti e sindacati, che hanno accompagnato l'era della società industriale sembrano entrati in una fase di declino. Contemporaneamente il mercato globale si afferma come suprema forma di regolazione e di controllo dei conflitti e delle aspirazioni. In questo contesto, gli attori e i soggetti collettivi, le "persone finte", non scompaiono, si trasformano e generano paradossi: sono proprio i nuovi soggetti collettivi, infatti, come le grandi imprese multinazionali dell'informatica e della comunicazione, a promuovere ed esaltare pratiche e culture individualiste. Il libro ci consente di scoprire la vera natura di queste "persone fine", rivelandone tutta la portata politica.
Gian Primo Cella, Persone finte, Il Mulino 2014



Tra XI e XIII secolo, nel Regno di Sicilia, in virtù di una realtà storico-culturale arricchita da una intensa circolazione di uomini e idee, acquista evidenza il progressivo declino dell'antica concezione del mondo, che considerava l'armonio di uomo e natura come regolata da forze inviolabili. Analizzando la struttura fisica del territorio, gil impianti urbani, le strutture edilizie, l'autore indaga i rapporti che legano gli uomini del tempo all'ambiente, agli animali e alle piante. Ne risulta un vasto spaccato antropologico-culturale che indaga ogni aspetto della vita umana, le vicende e i ruoli della gente, le mentalità, le norme della convivenza quotidiana, la struttura somatica, i bisogni e i desideri.
Salvatore Tramontana, Il Regno di Sicilia - Uomo e natura dall'XI al XIII secolo, Einaudi 2015

Il cibo è oggi uno dei temi più attuali del dibattito pubblico; il libro di Gordon Shepherd getta le basi di una nuova disciplina, la neurogastronomia, e allo stesso tempo rappresenta uno sguardo inedito su uno dei gesti più comuni eppure più densi di significato per l'uomo: mangiare. Ed è proprio mentre mangiamo, ci spiega Shepherd, che il cervello modellizza e mappa gli odori, e che con l'aiuto degli altri sensi dà letteralmente vita alla nostra percezione del gusto. Il lettore si avventura in un fitto e mai scontato dialogo tra neuroscienze e arte culinaria, per capire non solo come un piatto può diventare buono se non addirittura indimenticabile, ma anche come nascono i disturbi del comportamento alimentare e cosa fare per coniugare gusto, salute e benessere.
Gordon M. Shepherd, All'origine del gusto, Codice 2015

9 febbraio 2015

I nostri consigli

Tra le lettere di condoglianze per la morte della madre, a Camille ne arriva una molto più lunga delle altre, dal tono del tutto diverso. A firmarla è un certo Louis, ignoto narratore di una storia che sembra riguardarla. Tutto ha inizio nel 1939, quando la giovane Annie viene presa sotto l'ala protettrice di Madame M., una ricca signora che non può avere figli. Legata a lei da un affetto profondo, Annie le offre se stessa: sarà lei a darle il figlio desiderato. Così il signor M., prima di partire per la guerra, accetta di passare una notte con la ragazza, che resta incinta. Mentre il Paese viene occupato dai nazisti, Annie dà alla luce una bambina di cui Madame M. si impadronisce. Annie però non rinuncerà mai ai suoi sentimenti di donna e di madre... Mentre Camille indaga per capire chi sia Louis, a poco a poco si chiariscono i misteri e le menzogne che hanno segnato quella vicenda.
Hélène Grémillon, Il confidente, Oscar Mondadori 2014

La notte dura un secolo a Cotonou. A caccia dell'assassino di una squillo d'alto bordo e di una valigetta piena di polvere d'angelo ci sono, per scopi diversi, il commissario Santos e l'ispettore Kakanakou; Smain detto l'Arabo, un faccendiere arricchitosi chissà come; l'agente di sicurezza Sdk e due femme fatale puttane di professione. La forza di questo romanzo esilarante e pulp sta nello slittamento continuo della storia, che si dipana nel recinto di una Cotonou irrazionale, cortile di un'Africa contemporanea stanca di inghiottire gli scarti dell'Occidente.
Florent Couao-Zotti, Non sta al porco dire che l'ovile è sporco, 66thAnd2nd 2012


Nel 1986 l'editore Franco Maria Ricci sottopose allo sguardo di Giorgio Manganelli immagini disparate: tabacchiere e stemmi come celebri quadri e affreschi, vetri preziosi e fotografie, disegni e frammenti di templi. Immobile al suo tavolo di scrittore, Manganelli elaborava la prosa sulla base di queste immagini, scriveva cronache di visite immaginarie come un nuovo Diderot che ci offra resoconti di sempre rinnovati Salons. E il risultato fu una variazione trascendentale di quello stile avvolgente e onnipervasivo di cui Manganelli era maestro. 
Giorgio Manganelli, Salons, Adelphi 2000



Londra, 1875. Adelaide Culver, ragazzina di buona famiglia, poco incline ad accettare le convenzioni sociali con le loro regole e il loro vuoto, si innamora del maestro di disegno e, contro il parere della famiglia, lo sposa. Presto il marito si rivela essere un alcolizzato: Adelaide passa dall'innamoramento e la convinzione di aver sposato un vero artista alla delusione più profonda. L'orgoglio fa sì che i contatti con la famiglia siano nulli. I due vivono a Britannia Mews, un vero slum londinese. Passano alcuni anni, il marito muore, Adelaide sta per tornare a casa, quando viene colta da una sorta di illuminazione: in quanto figlia che ha mancato alle aspettative familiari dovrebbe sottostare a schemi non più suoi, insomma un'esistenza triste e squallida...
Margery Sharp, Britannia Mews, Astoria 2012

6 febbraio 2015

I nostri consigli - Graphic novel

Akseli, un perfezionista con problemi di autostima, cerca di dare una direzione ai Perkeros, la sua band di musica metal d'avanguardia. Ma ha un blocco psicologico e inizia a prendere stecche. La band, composta da un musicista ossessionato, un vecchio hippie, una studentessa d'arte e un orso non sembra riuscire a rimanere unita, proprio come accade al traballante rapporto di coppia di Akseli. Quando la band trova Aydin, che  ha un'ugola d'oro, il gruppo riesce finalmente ad avere l'occasione per mostrare quello che sa fare alla locale Rocktoberfest. Akseli, tutto immerso nelle profondità delle note, inizia a capire la misteriosa forza della musica come chiave capace di svelare le bellezze e gli orrori del mondo.
JP Ahonen, KP Alare, Perkeros, Panini-9L 2014

Esistono degli individui, gli Élite, la cui sorte influenzerà in maniera particolare il corso della storia. La proTECTO è l'azienda incaricata di gestire la vita, la morte e il destino degli Élite, asssegnando loro degli angeli custodi. 
Matteo, Zidrou, proTECTO, Nonaarte 2011







La storia dell'amore impossibile di Franz Schubert, la fine del mondo e la sua rinascita sotto un cielo viola, l'estinzione del popolo degli dei-insetto... sono solo alcune delle venticinque storie che compongono questo volume di Leiji Matsumoto, il poeta dello spazio profondo. L'autore compone un caleidoscopio di tasselli sulle illusioni umane, firmando racconti di fantascienza, sentimentali, di guerra o un loro insieme, unendone gli elementi caratterizzanti. Il risultato finale è straordinariamente lineare e armonioso, rappresentando una delle opere più complete per capire l'anima dell'artista autore di capolavori come Capitan Harlock e Galaxy Express 999.
Leiji Matsumoto, Il mondo quadrimensionale, Hikari 2014


Una volta terminato il suo primo romanzo, Samuel Beauclair si trasferisce a Melvile nella casa che un tempo era di suo padre, anche lui romanziere. Caduto preda di una depressione creativa e sentimentale, Samuel non riesce più a scrivere. Spera di trovare nei luoghi della sua infanzia una nuova serenità, lontana dalle amarezze del passato. A Melvile incontra Rachel e David, fratello e sorella, a cui aprirà delle porte che da molto tempo teneva sprangate. Ma Samuel non ha tenuto conto del fatto che a Melvile, con molta più facilità rispetto agli altri luoghi, i demoni e le leggende possono diventare reali...
È disponibile un'app gratuita per ipad (in francese) per i contenuti aggiuntivi.
Romain Renard, Melvile, Panini-9L 2015

5 febbraio 2015

I nostri consigli - Non-fiction

In questo saggio Krippendorff ci guida con mano sicura tra i sentieri dell'Illiria, della foresta di Arden, del bosco di Atene, del regno di Navarra e di Belmont, analizzando le commedie di Shakespeare in undici capitoli densi di stimolanti interpretazioni, con la consapevolezza che leggere oggi le commedie shakespeariane significa inevitabilmente riflettere sulla natura umana.
Ekkehart Krippenjdorff, Le commedie di Shakespeare, Fazi Editore 2014





È il 1960 e John Steinbeck, accompagnato dal fido barboncino Charley, parte alla riscoperta della sua amata America a bordo di un camper. Le impressioni e le osservazioni raccolte durante il viaggio confluiranno nel fortunato Viaggio con Charley. Cinquant'anni dopo, il giornalista Geert Mak ripercorre le orme dello scrittore, cercando di capire cosa ne è stato del paese osservato da Steinbeck e del sogno americano in generale. Chilometro dopo chilometro, si addentra in questa terra sconfinata, visitandone le grandi metropoli e i piccoli centri rurali, ma soprattutto parla con storici, giornalisti e gente comune, ne raccoglie pareri e testimonianze, che usa per ricomporre il puzzle più autentico di questa realtà.
Geert Mak, In America, Ponte alle Grazie 2015

Lo scenario della vita quotidiana, in particolare della sfera domestica che si trova al centro di queste pagine, se esplorato con spregiudicatezza, può dispensare, nella sua consuetudine, inesauribili novità. In esso vengono calati temi di portata generale quali la famiglia, il lavoro, il genere, il capitalismo, la globalizzazione, per osservare come l'espressività emotiva, l'attenzione per l'altro e gli atteggiamenti di cura siano messi alla prova in una cultura sempre più improntata alla promozione "commerciale" di se stessi e alla quantificazione strumentale di ogni sentimento umano.
Arlie Russell Hochschild, Per amore o per denaro, il Mulino 2006



Quando, nel 2002, Slahi viene mandato nel famigerato campo di detenzione di Guantanamo, è costretto a sopportare tutto il peggio che un carcere può offrire, compresi mesi di deprivazione sensoriale, tortura, violenze sessuali, minacce di ogni tipo, perfino ai suoi cari. Dopo tre anni di prigionia, ha cominciato a scrivere a mano la sua storia, in inglese, la lingua che ha imparato interagendo con i suoi carcerieri. Nel 2007, FBI e CIA hanno stabilito che non ci sono elementi per collegare Slahi ad alcun atto di terrorismo. Non è mai stato accusato formalmente di alcun crimine. Nel 2010 un giudice federale ha ordinato al sua scarcerazione. Eppure resta a Guantanamo. 
Mohamedou Ould Slahi, 12 anni a Guantanamo, Piemme 2015

4 febbraio 2015

I nostri consigli

Giugno 2012. Dopo ventitré anni Alain Mabanckou torna nella sua Pointe-Noire. Invitato dall'Institut francais per un ciclo di conferenze, alloggia in un appartamento per artisti e scrittori dove, appeso alla parete del salotto, c'è un quadro che ritrae una donna dallo sguardo triste. Durante il soggiorno, oltre agli impegni ufficiali, si dedica alla scrittura del suo libro di ricordi, ma è bloccato ha un nodo in gola. Sa di essere tornato nella città natale non solo per motivi di lavoro, ma soprattutto per riappropriarsi del passato, per riportare alla luce un'infanzia smarrita nel groviglio della memoria, per salutare i membri della sua numerosa famiglia, e per rivedere i luoghi cari. Ma Pointe-Noire, e la sua stessa famiglia, non sono più le stesse.
Alain Mabanckou, Le luci di Pointe-Noire, 66thAnd2nd 2014

È un'estate dei primi anni '60 e Cassandra Edwards è in viaggio verso il ranch di famiglia: sta andando al matrimonio della sorella gemella, Judith, ma non sa come comportarsi perché non ha proprio voglia di conoscere il cognato, né di gioire dell'evento. Cosa succede nel cuore di un fratello gemello quando l'altra metà decide di andare via, di iniziare una vita propria da condividere con un estraneo? La casa degli Edwards è un piccolo mondo distante dalla società americana di quegli anni; è un ambiente colto e progressista, ed è una casa da ci manca una madre da qualche anno. Il weekend che accompagna questo racconto è quasi lo scampolo di una storia familiare idilliaca, l'ultimo colpo d'occhio di una giovane donna che sta per volgere lo sguardo altrove.
Dorothy Baker, Cassandra al matrimonio, Fazi 2014

Questo è il romanzo della vita di Curzio Malaparte, quello di un'avventura umana che non ha avuto uguali nella prima metà del Novecento. La storia comincia nel 1933, dove il fascista Malaparte è confinato per attività antifascista, e si conclude nella primavera del 1957 nella clinica "Sanatrix" di Roma in attesa di una morte della quale tutti desiderano impadronirsi: i democristiani, i comunisti, i repubblicani, la Chiesa. Fra i due poli si espande la più clamorosa personalità di avventuriero, di narcisista, di rinnegato che abbiano conosciuto l'Italia e l'Europa.
Osvaldo Guerrieri, Curzio, Neri Pozza 2015



Mattes Ritter è un venditore ambulante che percorre dal lunedì al venerdì le campagne della Polonia barattando cianfrusaglie con cibo, pelli e qualche spicciolo. Per poi tornare al suo villaggio, alla sua capanna e alla sua famiglia per lo Shabbat. La capanna pullula di bambine accettate solo per rispetto alla volontà divina, e di poco altro. La moglie, Sarah, è stremata dalle gravidanze e dalle fatiche domestiche. Non ci si stupisce quindi che nella nascita di un figlio maschio, Nachman, Mattes riponga le speranze di una vita, deciso a fare del piccolo un dotto e stimato rabbino. Quando però Nachman viene sedotto da Hannah, e dalla sirena non meno potente del credo socialista, le speranze di Mattes cominciano a svanire... 
Israel J. Singer, A oriente del giardino dell'Eden, Bollati Boringhieri 2015

3 febbraio 2015

I nostri consigli - Graphic novel - Speciale Tipitondi

Una terra isolata dai flutti, fustigata dai venti. Nel suo grembo si nasconde il più strano dei misteri... Un uomo perseguitato dal passato vi si perderà... per rinascere.
Da 8 anni.
Enrique Fernandez, L'isola senza sorriso, Tunué-Tipitondi 2014







Prima di diventare la nonnina che tutti vorrebbero avere in famiglia, anche Mamette è stata giovane. E anche da giovane aveva un caratterino! Non c'erano mica i telefonini o internet negli anni '30; si ascoltavano i romanzi a puntate alla radio, si imparavano le cose a memoria a scuola e la nostra Mamette veniva affidata da sua madre ai nonni, nella grande casa di campagna. Fra mansioni di tutti i giorni, nuove amicizie e futuri grandi amori sul nascere, Mamette e il mondo intero si affacciano verso un periodo difficilissimo: la guerra incombe!
Da 8 anni.
Nob, I ricordi di Mamette, Tunué-Tipitondi 2014


Avere un angelo custode è sempre utile, ti protegge e rimedia ai guai. A Pierre però è toccato Pilar: giubbotto di pelle, ciuffo di fulvi capelli ribelli, carattere irriverente e inclinazione al caos. Strano? Non molto sapendo che Pilar è un... diavoletto custode!
Da 8 anni.
Corrado Mastantuono, Stefano Intini, Il Piccolo Pierre - Storie disordinate, Tunué-Tipitondi 2013





Le acque che bagnano Stromboli serbano un segreto che solo i puri di cuore riescono a custodire. Conoscere la verità non sempre basta...
Da 8 anni.
Simona Binni, Amina e il vulcano, Tunué-Tipitondi 2014








Oliver Twist viene alla luce qualche minuto prima della morte della madre. Dopo un avvenimento così triste, la sua vita non si apre sotto i migliori auspici... In un mondo che non gli farà nessun regalo, nell'estrema povertà, il ragazzino tenterà di sopravvivere e diventare grande. Ma come sfuggire la fame e gli stenti senza divenire un criminale?
Da 8 anni.
Dauvillier, Deloye, Merlet, Rouger, Oliver Twist vol. 1, Tunué-Tipitondi 2014




Nell'isoletta dove si è appena trasferita con la mamma, Marion può dare sfogo a tutta la sua curiosità esplorando ambienti per lei del tutto nuovi. Ma cosa sono quelle strane rocce scolpite? E l'inquietante guardiano del faro? Che c'entrino qualcosa le vecchie leggende locali?
Da 10 anni.
Mathieu Reynès, Valérie Vernay, La memoria dell'acqua, Tunué-Tipitondi 2013





Quando hai undici anni il mondo è un posto tutto da scoprire, gli adulti appaiono strani e incomprensibili, la fantasia galoppa e ogni cosa assume contorni meravigliosi e inquietanti. Quando hai undici anni è facile finire prima o poi... oltre il muro!
Da 12 anni.
Pierre Paquet, Tony Sandoval, Oltre il muro, Tunué-Tipitondi 2012