4 febbraio 2015

I nostri consigli

Giugno 2012. Dopo ventitré anni Alain Mabanckou torna nella sua Pointe-Noire. Invitato dall'Institut francais per un ciclo di conferenze, alloggia in un appartamento per artisti e scrittori dove, appeso alla parete del salotto, c'è un quadro che ritrae una donna dallo sguardo triste. Durante il soggiorno, oltre agli impegni ufficiali, si dedica alla scrittura del suo libro di ricordi, ma è bloccato ha un nodo in gola. Sa di essere tornato nella città natale non solo per motivi di lavoro, ma soprattutto per riappropriarsi del passato, per riportare alla luce un'infanzia smarrita nel groviglio della memoria, per salutare i membri della sua numerosa famiglia, e per rivedere i luoghi cari. Ma Pointe-Noire, e la sua stessa famiglia, non sono più le stesse.
Alain Mabanckou, Le luci di Pointe-Noire, 66thAnd2nd 2014

È un'estate dei primi anni '60 e Cassandra Edwards è in viaggio verso il ranch di famiglia: sta andando al matrimonio della sorella gemella, Judith, ma non sa come comportarsi perché non ha proprio voglia di conoscere il cognato, né di gioire dell'evento. Cosa succede nel cuore di un fratello gemello quando l'altra metà decide di andare via, di iniziare una vita propria da condividere con un estraneo? La casa degli Edwards è un piccolo mondo distante dalla società americana di quegli anni; è un ambiente colto e progressista, ed è una casa da ci manca una madre da qualche anno. Il weekend che accompagna questo racconto è quasi lo scampolo di una storia familiare idilliaca, l'ultimo colpo d'occhio di una giovane donna che sta per volgere lo sguardo altrove.
Dorothy Baker, Cassandra al matrimonio, Fazi 2014

Questo è il romanzo della vita di Curzio Malaparte, quello di un'avventura umana che non ha avuto uguali nella prima metà del Novecento. La storia comincia nel 1933, dove il fascista Malaparte è confinato per attività antifascista, e si conclude nella primavera del 1957 nella clinica "Sanatrix" di Roma in attesa di una morte della quale tutti desiderano impadronirsi: i democristiani, i comunisti, i repubblicani, la Chiesa. Fra i due poli si espande la più clamorosa personalità di avventuriero, di narcisista, di rinnegato che abbiano conosciuto l'Italia e l'Europa.
Osvaldo Guerrieri, Curzio, Neri Pozza 2015



Mattes Ritter è un venditore ambulante che percorre dal lunedì al venerdì le campagne della Polonia barattando cianfrusaglie con cibo, pelli e qualche spicciolo. Per poi tornare al suo villaggio, alla sua capanna e alla sua famiglia per lo Shabbat. La capanna pullula di bambine accettate solo per rispetto alla volontà divina, e di poco altro. La moglie, Sarah, è stremata dalle gravidanze e dalle fatiche domestiche. Non ci si stupisce quindi che nella nascita di un figlio maschio, Nachman, Mattes riponga le speranze di una vita, deciso a fare del piccolo un dotto e stimato rabbino. Quando però Nachman viene sedotto da Hannah, e dalla sirena non meno potente del credo socialista, le speranze di Mattes cominciano a svanire... 
Israel J. Singer, A oriente del giardino dell'Eden, Bollati Boringhieri 2015

Nessun commento:

Posta un commento