24 agosto 2015

I nostri consigli

Questo libro si situa in quella narrativa incentrata su temi fantastico-intellettuali, e ha nobili maestri nel paese dell'argentino Dominguez. Le tenaci realtà generate dalla finzione o dall'interpretazione o dall'equivoco; "i libri che cambiano il destino delle persone": con svolgimenti, in questo racconto, che seguono le linee dell'allegoria e della ricerca avventurosa.
Carlos Maria Dominguez, La casa di carta, Sellerio 2011






Melmoth ha fatto un patto col diavolo per ottenere il prolungamento della vita. E se riuscirà a trovare chi condivida la sua sorte eviterà la dannazione. Il patto risale al XVII secolo e generazione per generazione, Melmoth ottiene solo rifiuti: anche il prigioniero di un manicomio, anche una vittima dell'Inquisizione, nessuno accetta il suo patto. La ricchezza di scene di terrore e di raccapriccio, ancora oggi sconvolgenti, ha contribuito a farlo diventare un autentico bestseller internazionale.
Charles Robert Maturin, Melmoth l'Errante, UTET 2008




Nel "Silenzio delle conchiglie" Helen Keller, una delle donne più famose di tutti i tempi, racconta i primi anni della sua vita. Siamo nel 1880, la piccola Helen ha solo pochi mesi quando viene colpita da una terribile malattia in seguito alla quale perde la vista e l'udito. La sua vita diventa all'improvviso silenzio e buio senza fine. L'impossibilità di comunicare con gli altri la tortura fino all'età di sette anni, quando finalmente arriva un angelo: Anne Sullivan, una delle primissime insegnanti in grado di confrontarsi con alunni sordi e ciechi. E l'inizio di una nuova vita. Grazie ad Anne la piccola Helen imparerà a leggere, scrivere e in seguito a parlare così come imparerà il significato della parola "amore". 
Helen Keller, Il silenzio delle conchiglie, Edizioni E/o 2014

Un'aspirante scrittrice si trasferisce in un nuovo appartamento e scopre che l'anziana padrona di casa coltiva strani ortaggi a cinque dita. Un chirurgo affermato è avvicinato da un'affascinante cantante di pianobar, che cerca un rimedio per la mostruosità del suo cuore. Intanto, una brama violenta muove un solitario artigiano di borse, disposto a tutto pur di avere quel cuore prodigioso. Sullo sfondo, una residenza vetusta divenuta un museo della tortura: in giardino un'enorme tigre del Bengala sta morendo, e forse anche il vecchio custode della villa, insieme ai suoi segreti. Undici storie parallele, un'unica mano invisibile che ne regge i fili: la recondita diabolicità dell'essere umano. Madri e figli, vittime e amanti clandestini, assassini e anonimi passanti, i destini si intersecano in una rete sempre più nera e inquietante di enigmi e indizi.
Yoko Ogawa, Vendetta, ilSaggiatore 2014

Nessun commento:

Posta un commento