14 ottobre 2015

I nostri consigli - Racconti

Autrici celebri come Matilde Serao e il premio Nobel Grazia Deledda, autrici da riscoprire come Carolina Invernizio o da non sottovalutare come la "scandalosa" Contessa Lara. Donne rimaste nell'ombra per decenni, di cui la critica ha iniziato a interessarsi solo all'epoca dei movimenti femministi degli anni Sessanta. Oggi più che mai i tempi sono maturi per riascoltare le voci più interessanti della nostra letteratura al femminile, che tra gli inizi dell'Ottocento e i primi decenni del Novecento è stata particolarmente fertile. Accostando scrittrici affermate ad altre meno note come la Marchesa Colombi, Annie Vivanti e Mura, il curatore ci accompagna con competenza e trasporto in un'esplorazione affascinante.
Guido Davico Bonino (cur.), Donne allo specchio, Bur 2015

Dieci grotteschi mondi abitati da romantici senza speranza, omosessuali storpi, ideatori di bambole bulimiche, delinquenti, disadattati, ragazzi imbranati, coppie scoppiate, dieci realtà che mettono a nudo i nostri goffi tentativi di sfruttare il potere del linguaggio e dell'immaginazione. Una surreale riflessione sull'incapacità di comunicare, sulla delusione, sul senso di colpa figlio del fallimento e sull'amore, che sa trasformarci in qualcosa che non avremmo mai pensato di diventare. E non sempre in senso positivo.
Adam Levin, Rosa Shocking, Clichy 2015




Nelle otto storie che compongono questo libro, ci imbattiamo in quegli istanti della vita in cui la gioia e il dolore, il trionfo e l'umiliazione la vittoria e la sconfitta prendono un'intensità unica e irripetibile. Attraverso una straordinaria galleria di personaggi (il manager Tabachnik, il soldato Leksi, la star del fooball sul viale del tramonto, l'attrice che riceve finalmente una parte degna delle sue ambizioni, il ragazzo che ruba le ceneri del padre della sua ex), l'autore ci offre una raccolta di racconti indimenticabili.
David Benioff, La ballata di SadJoe e altri racconti, Neri Pozza 2005




Maya ha un fidanzato, poi le piacciono parecchio anche il capo e il veterinario; Haley sta per sposare Tony, ma ha un amante con lo stesso nome che si intrufola in casa sua passando dalla finestra; Nina ha quarant'anni, però emotivamente si sente sulla stessa lunghezza d'onda della figlia che ne ha sedici... In spavaldo equilibrio tra l'anagrafe e la resistenza a diventare adulte, sempre scolelgate dalla fiaba a lieto fine, le ragazzi di Katherine Heiny amano gli uomini e il sesso, i cani e i dolci. Sono buffe, scombinate, disarmanti.
Katherine Heiny, Single, frivole, pronte a tutto, Einaudi 2015

1 commento:

  1. Amo la Clichy ma preferisco la collana francese... Questo non credo faccia per me.

    RispondiElimina