26 ottobre 2015

I nostri consigli - Non-fiction

L'acciaio è "indomito", la carta "fidata", il cioccolato naturalmente è "delizioso", la plastica "immaginifica" e la grafite è semplicemente "indistruttibile". Poi c'è la schiuma, il vetro, la porcellana, e certo non può mancare il comune, onnipresente, "fondamentale" cemento. Sono le sostanza di cui è fatto il nostro mondo. Basta gettare l'occhio intorno a noi e ne vediamo a centinaia, eppure sappiamo così poco di loro. Invece quando Mark Miodownik si guarda intorno vede ben più in là delle apparenze superficiali delle cose ed è capace di raccontarci per ognuno di questi materiali una quantità incredibile di storie affascinanti, da restare a bocca aperta per lo stupore.
Mark Miodownik, La sostanza delle cose, Bollati Boringhieri 2015

Cosmo, primo volume della trilogia Breve enciclopedia del mondo, propone al lettore una visione rivoluzionaria della vita naturale, che interroga la natura lì dove essa più vivacemente si agita e freme, trascinando nel suo movimento ogni cosa: l'atomo come elemento primordiale presente in tutto ciò che esiste; il nematode che parassita le sue prede spingendole al suicidio; l'anguilla che percorre migliaia di chilometri solo per riprodursi e poi morire; l'Homo sapiens sapiens, ovviamente, questo discendente della scimmia che crede di dominare ciò che in realtà lo domina, di essere libero di scegliere ciò che in realtà lo determina; su fino alle meccaniche celesti, alle immani energie cosmiche, ai movimenti delle costellazioni, ai ritmi lunari e solari...
Michel Onfray, Cosmo, Ponte alle Grazie 2015

Tradurre è un'arte magica perché ogni parola apre un mondo. Le parole intraducibili sono potenti grimaldelli: svelano di un popolo certi vizi e certe virtù. Se i brasiliani hanno una parola per definire la carezza tra i capelli dell'amato, gli svedesi ne hanno una per indicare la terza tazza di caffè; i tedeschi hanno una parola per un groviglio di cavi, ma anche per la piacevole sensazione che si prova stando soli nel bosco. Elle Sanders ne ha raccolte cinquanta in questo libro, con illustrazioni bellissime che ci ricordano quante volte abbiamo in testa l'idea la suggestione, ma proprio ci manca la parola.
Elle Sanders, Lost in translation, Marcos Y Marcos 2015


Un libro che racconta le vite straordinarie delle donne che hanno attraversato il Novecento pescando tra gli aneddoti, le frasi più belle, le curiosità della loro vita. La struttura si snoda senza seguire il percorso biografico ma recuperando le storie più intense che hanno animato le esistenze di ognuna di loro. Italiane e straniere, a volte poco conosciute,, a volte famosissime, ma che in qualche modo hanno contribuito a rendere grande il secolo scorso: attrici, scrittrici, poetesse, scienziate, first lady e premier, tutte sono state prima di tutto esseri umani, con le loro debolezze, le loro abitudini, i grandi sacrifici, a volte i successi, a volte le sconfitte.
Lucrezia Dell'Arti, Il Novecento è donna, Clichy 2015

Nessun commento:

Posta un commento