21 novembre 2014

I nostri consigli - Non-fiction

Secondo un'antichissima tradizione, nell'anno 326 Elena, madre di Costantino, scopre a Gerusalemme il legno della Croce. Per sollevare gli animi e stringere i fedeli attorno alla loro storia comune, fa costruire un'imponente basilica sul Golgota, emblema della passione di Cristo. Ma un luogo non è abbastanza, la basilica non può restare un guscio vuoto. Stando ai Vangeli, non è possibile trovare il corpo di Gesù: la Croce, allora, può diventare il miglior surrogato, diventando il fondamento della fede cristiana. L'imperatrice cerca, scava e infine trova: da quel momento la reliquia diviene l'emblema della Gerusalemme cristiana e la protagonista di una complessa serie di vicende.
Chiara Mercuri, La vera Croce, Laterza 2014


Perché la povertà è così difficile da sradicare? Per combattere la povertà - che è scarsità cronica di denaro - occorre cogliere il filo che la lega a tanti altri esempi di scarsità. Gli autori dimostrano che tutte le forme di scarsità creano uno stato mentale simile, influenzando le capacità cognitive e i comportamenti individuali e collettivi. In quest'ottica, non solo la povertà globale, ma anche i problemi della nostra vita quotidiana acquistano nuova luce. Se è vero che una scienza della scarsità c'è già - l'economia - gli esperimenti e le ricerche di questo libro sono un invito a ripensare l'economia tenendo conto degli effetti cognitivi, e non solo quantitativi, della scarsità.
Sendhil Mullainathan, Eldar Shafir, Scarcity, ilSaggiatore 2014

Decidere è una libertà, ma anche un compito che può diventar difficile, fino a trasformarsi in un peso insostenibile. La difficoltà aumenta in proporzione al ruolo occupato da chi decide nelle gerarchie della famiglia, della società, dell'economia. Gli strumenti a nostra disposizione si concentrano sull'aspetto razionale trascurando le oscure forze emotive che sono i veri ostacoli del decidere: la paura, lo stress, il dubbio patologico, l'angoscia e il panico. Partendo dalla sua pluriennale esperienza, l'autore ci guida alla scoperta della "psicopatologia del decidere": la paura di sbagliare, di non essere all'altezza non deve essere negata, ma compresa e gestita con strategie e stratagemmi mirati.
Giorgio Nardone, La paura delle decisioni, Ponte alle Grazie 2014

Questa è una raccolta di oltre cento tra le più divertenti, stimolanti e sorprendenti lettere mai scritte. Dalla struggente lettera di suicidio di Virginia Woolf, alla ricetta per gli scones della regina Elisabetta II inviata ad Eisenhower; dalla prima volta in cui troviamo l'espressione OMG in una lettera indirizzata a Churchill, all'appello alla calma di Gandhi a Hitler; dalla splendida lettera di consigli di Iggy Pop a una fan in difficoltà, alla pregevole richiesta di impiego di Leonardo da Vinci, questo volume è una celebrazione del potere della corrispondenza per iscritto che cattura tutto lo humour, la serietà, la tristezza e lo splendore delle nostre vite.
Shaun Usher (cur.), L'arte delle lettere, Feltrinelli 2014

Nessun commento:

Posta un commento