23 novembre 2015

I nostri consigli - Non-fiction

Poliglotta, carismatico, brillante e imprevedibile, Sidney Reilly fu uno dei più abili e spericolati agenti del Secret Intelligence Service britannico durante la Prima Guerra Mondiale, operando soprattutto in territorio russo. In seguito alla presa del potere da parte dei bolscevichi, fu il temerario organizzatore della rivolta che minacciò di stroncare sul nascere la Rivoluzione, grazie alla sua capacità di sfuggire alla polizia politica comunista. Questa straordinaria esperienza, raccolta nelle sue memorie tenute a lungo segrete, venne alla luce grazie al paziente lavoro della moglie, che ricostruisce quegli anni vissuti sempre sul filo del pericolo e nel rischio di finire nella rete della Čeka.
Sidney Reilly, Io sono il re delle spie, Castelvecchi 2015

Da quando si riteneva che la Terra fosse al centro dell'universo a quando si è scoperto che non c'è un solo sistema solare sono passati secoli. In compenso, negli ultimi vent'anni sono stati contati più di duemila pianeti in orbita intorno ad altre stelle; e dopo che i primi "avvistamenti" hanno rivelato solo enormi pianeti inabitabili, caldissimi e composti in gran parte da gas tossici, oggi cominciano ad arrivare le prime notizie di mondi potenzialmente ospitali. Sebbene ogni ricerca di civiltà aliena abbia registrato al momento solo fallimenti, non siamo mai stati così vicini alla possibilità di trovare la vita al di fuori della Terra. L'autore ripercorre tutte le tappe di questa straordinaria caccia.
Ray Jayawardhana, Strani mondi, Codice 2015

Dalla Repubblica dell'antica Roma agli oligarchi russi di oggi, è sempre stato così: un ristretto numero di individui spaventosamente ricchi domina l'economia e la politica del suo tempo. Come abbiano accumulato capitali così spropositati diventa irrilevante una volta che siano entrati nella ristretta cerchia di chi conta davvero. Dal banchiere dei papi Cosimo de' Medici ai padroni delle ferriere della Rivoluzione industriale, l'origine di quelle favolose fortune viene presto dimenticata, mentre i super-ricchi forniscono fondi per la costruzione di chiese e istituzioni culturali, si inventano patroni delle arti e delle lettere e, ansiosi di essere accettati dall'establishment, si sforzano di ripulire la loro immagine con grandiosi gesti di filantropia, esibizioni di stile e opulenza, imprese che i comuni mortali possono solo sognare. Gli oggetti del desiderio e gli status symbol possono cambiare, ma le regole sono sempre le stesse. Ma è destinato a essere sempre così?
John Kampfner, Storia dei ricchi, Feltrinelli 2015

In un ristorante cinese fuori Filadelfia un padre chiede alla figlia quindicenne: "Come definiresti il nulla?". Per trovare la risposta, la ragazza intraprenderà con lui una caccia ai più grandi enigmi dell'universo che trasformerà la sua vita, affrontando senza paura i draghi della relatività generale e della meccanica quantistica. Questo libro è il resoconto di quell'appassionata esplorazione del mondo della fisica. Strada facendo, i Gefter si sono imbattuti nelle bizzarrie della scienza e in personalità ancor più stravaganti. Scoprendo qualcosa di sconvolgente: gli albori di un imponente cambio di paradigma in cosmologia, da un unico universo che tutti condividiamo a una realtà frammentaria in cui ogni osservatore ha il proprio mondo. Ben al di là di qualsiasi immaginazione - persino di quella di Einstein -, la realtà dipende radicalmente dall'osservatore, con conseguenza di incalcolabile portata per la nostra comprensione dell'origine del cosmo.
Amanda Gefter, Due intrusi nel mondo di Einstein, Raffaello Cortina 2015

Nessun commento:

Posta un commento