21 agosto 2014

I nostri consigli

La scrittrice neozelandese Janet Frame trascorse otto anni della sua vita in vari ospedali psichiatrici, e fu sottoposta a innumerevoli elettroshock. L'intera sua opera è attraversata dal doloroso ricordo di quegli anni, ma il libro in cui la sua esperienza ospedaliera viene restituita nella maniera più cruda e al contempo poetica è proprio Volti nell'acqua. La protagonista è vittima e, insieme, testimone di una reclusione in cui è in questione tutto, tranne che la cura.
Janet Frame, Volti nell'acqua, Neri Pozza 2013




Patagonia argentina, Las Heras: piccola cittadina in capo al mondo, recentemente trasformata dal boom petrolifero. Ci si prepara a festeggiare l'arrivo del nuovo millennio, ma il 31 dicembre 1999 è per la comunità un giorno da incubo: muore suicida il ventisettenne Juan Gutierrez, il dodicesimo a togliersi la vita in pochi mesi. Si ipotizza una setta, oppure l'influenza dei troppi indios sepolti in zona. L'autrice Leila Guerriero parte allora da Buenos Aires per Las Heras, e comincia a indagare. Le risposte non sono chiare, a chiara è la voce dei giovanissimi suicidi.
Leila Guerriero, Suicidi in capo al mondo, Marcos Y Marcos 2007



Per ottant'anni il vecchio Ebenezer Le Page è rimasto fedele a due cose: l'isola di Guernsey e l'unico vero amore della sua vita, Liza. Anche il carattere, solitario e caparbio, è rimasto immutato. Eppure, seguendo il suo racconto, così appassionato, commovente, fiero, è impossibile resistergli: nel suo mondo ritroviamo il nostro.
G.B. Edwards, Il libro di Ebenezer Le Page, elliott 2014





Il protagonista del libro (in maniera non dissimile dallo stesso autore), per superare crisi creativa e guai fisici intraprende un lungo viaggio per mare. Dopo il suo imbarco sulla Caliban inizia a vivere strane avventure: allucinazioni? deliri? Forse, considerando che l'uomo ha un debole per l'alcol e per i sonniferi. La situazione peggiora: un gruppo di persone non fa altro che tormentarlo giorno e notte, accusandolo di nefandezze a sfondo sessuale. Non può esser altro che un complotto ai suoi danni... Con questo romanzo, Waugh esce dal sentiero più apertamente umoristico dei suoi primi lavori, sia da quelli di ispirazione più "seria".
Evelyn Waugh, La prova di Gilbert Pinfold, Bompiani 2014

Nessun commento:

Posta un commento