9 luglio 2014

I nostri consigli - Graphic novels

Neurocomic è la storia di un viaggio onirico tra i luoghi immaginati del cervello, una sorta di labirinto attraverso il quale scoprire le funzioni dell'organo più complesso del corpo umano. Durante il suo viaggio, il protagonista attraverserà luoghi meravigliosi, conoscerà i pionieri delle neuroscienze, fino ad entrare nel castello infestato della sua coscienza, rischiando di oltrepassare l'ultima fortezza della razionalità...
Matteo Farinella, Hana Ros, Neurocomic, Rizzoli Lizard 2014




Racconto misterioso e tragico, ambientato in un paesino vicino al Po, dove regna sovrana la nebbia. Claudia cerca di ricostruire il drammatico evento accaduto molti anni prima, attraverso la memoria di Evaristo, unico testimone della tragedia. Tra l'impossibilità di dimenticare, e la difficoltà di ricordare la verità, in un continuo gioco fra passato e presente, il passato tornerà a reclamare quanto gli appartiene.
Alessandro Di Virgilio, Andrea Cardone, Un filo di nebbia, Tunué 2010





Julie, dopo cinque anni di cure psichiatriche, si trova a lavorare come baby sitter. Deve accudire Peter, nove anni, orfano di genitori e viziatissimo erede di una fortuna amministrata dallo zio. Qualcuno vuole uccidere il bambino, e l'incaricato è Thompson, killer professionista un tempo spietato ma ora stanco e perseguitato dall'ulcera... Questi i protagonisti del romanzo che ha portato Jean-Patrick Manchette ad essere considerato un maestro del noir, qui adattato in graphic novel dal colosso Jacques Tardi.
Jean-Patrick Manchette, Jacques Tardi, Pazza da uccidere, Coconino 2013



Un figlio interroga il padre riguardo alla sua prigionia durante la seconda guerra mondiale, in un campo nazista. Egli scrive le sue memorie su tre diari, in una grafia secca e minuta, e il figlio le trasforma in graphic novel. I due sono René Tardi e suo figlio Jacques, il maestro del fumetto francese contemporaneo, e il risultato è un racconto anti-epico, intenso e toccante.
Jacques Tardi, Io René Tardi prigioniero di guerra allo Stalag II B, Coconino 2013

Nessun commento:

Posta un commento