12 aprile 2014

I nostri consigli

Dalla New York del '77, all'Italia degli anni di piombo, con i suoi rapimenti, attentati e scioperi. Un romanzo che affronta quel periodo in maniera diversa, appassionata e lucida, giudicato da molti come il miglior libro dell'anno scorso; un meccanismo di storie, aneddoti e monologhi, che è esplorazione sia di quei momenti drammatici della nostra storia ma anche dell'arte, della menzogna e del radicalismo politico.
Rachel Kushner, I lanciafiamme, Ponte alle Grazie 2014





In questo romanzo viene raccontato, per esperienza diretta, com'era la Parigi di fine anni Trenta: ritrovo per tutta quell'umanità schiacciata dal comunismo da un lato e dal fascismo dall'altro, alla ricerca di una nuova patria d'elezione. Quel paese di lì a poco li tradirà, e questo libro è proprio il racconto a caldo dei fatti di quei mesi, che trovano il loro culmine tragico nel giugno del 1940, con l'occupazione nazista.
Manuel Chaves Nogales, Agonia della Francia, Neri Pozza 2014






Primo capitolo (in Italia il libro esce infatti diviso in tre) della nuova opera dell'inglese Hilary Mantel. L'avvento fondante della società occidentale moderna, la Rivoluzione Francese, narrata attraverso le gesta di tre giovani protagonisti: Robespierre, Danton e Desmoulins: un romanzo epico ma allo stesso tempo intimo e privato.
Hilary Mantel, La storia segreta della rivoluzione - prima parte, Fazi Editore 2014
Opera vincitrice del prestigioso Premio Nacional de Narrativa, in cui viene raccontato il difficile rapporto dell'autore con il padre, connotato da incomprensioni e a cavallo fra odio e amore. L'autore indaga il senso profondo della relazione tra un figlio e un genitore, rivelando, da una materia tanto intima e delicata, un significato universale.
Marcos Giralt Torrente, Il tempo della vita, elliot 2014




Nessun commento:

Posta un commento