2 dicembre 2014

I nostri consigli

Questo libro, primo di una saga in sei volumi, narra le vicende di Boone, un ragazzo che vive nel Kentucky con la famiglia in un momento in cui tutti si stanno dirigendo a ovest in cerca di fortuna. Vittima, con la madre e il fratello, delle violenze del padre, una sera reagisce e lo colpisce, forse uccidendolo: decide quindi di scappare per raggiungere lo zio cacciatore. Lungo la strada verso St. Louis incontra Jim Deakins e insieme iniziano un lungo viaggio-odissea, alla ricerca della nuova frontiera ma anche del significato stesso di libertà.
A.B. Guthrie, Il grande cielo, Mattioli 2014



La fantasia e il dilemma della scelta; il gioco e il dramma del mare, della guerra e della morte: L'Isola del Tesoro contiene tutto questo insieme a quasi tutti i sentimenti, alle virtù più nobili e ai peggiori peccati: la lealtà, il coraggio, la paura, il tradimento, la ferocia. Un classico intramontabile, ancora affascinante e avvincente, che piacerà a tutti quelli che la gioventù la possiedono o la serbano nel cuore, in una nuova traduzione italiana.
Robert Louis Stevenson, L'Isola del Tesoro, Einaudi 2014





Questo libro racconta la storia di Ladydi Garcia Martìnez, che sua madre vuole far diventare brutta. Perché "in Messico essere brutta è la cosa migliore che possa capitare a una bambina". Ladydi e le sue amiche vestono da maschio, hanno capelli corti e si colorano i denti perché sembrino cariati. Si tengono  pronte a nascondersi nelle buche scavate dietro le loro case quando sentono il rumore di un SUV: sono i narcos, che imperversano nei villaggi e "rubano" le ragazzine. Nessuna fa mai ritorno. Così, alla prima occasione di lasciarsi alle spalle quella giungla per andare a lavorare ad Acapulco, non ci pensa due volte. Questo però non basta a proteggerla dalla sanguinosa realtà delle guerre di droga.
Jennifer Clement, Le ragazze rubate, Guanda 2014

Vallivana Querol, conosciuta come Valli, grintosa ottantanovenne, ha conosciuto le maggiori personalità della Spagna repubblicana, da Garcìa Lorca a Dalì, e stretto amicizia con femministe come Victoria Kent. Divenuta maestra ha insegnato a leggere e scrivere agli abitanti delle campagne, finché l'ascesa al potere di Franco l'ha costretta a un lungo esilio. Ora però deve prendere una decisione difficile: può accettare di collaborare con la scuola più classista d'Inghilterra? E chi è il professore che l'ha invitata lì? Per scoprirlo, dovremo immergerci nella calura di Morella, il paesino di Valli sulle montagne valenciane. Conosceremo una comunità di personaggi variopinti, fra cui l'ambizioso sindaco, convinto che la vendita di una vecchia scuola per convertirla in centro commerciale possa farlo entrare nel giro di quelli che contano...
Elena Moya, La maestra, Feltrinelli 2014

Nessun commento:

Posta un commento