24 febbraio 2014

I nostri consigli

Romanzo-testimonianza che ritrae un anno di vita di un quattordicenne parigino, di buona famiglia, e del suo migliore amico: tra feste, musica, alcool, che forse altro non sono che un modo per cercare un posto nel mondo.
Sacha Sperling, Le mie illusioni danno sul cortile, Einaudi







Un noto matematico comincia a dare segni di squilibrio quando viene a sapere che l'ipotesi di Riemann, su cui generazioni di studiosi si sono arrovellati senza risultati, è stata finalmente dimostrata. Questo evento scatena in lui uno sdoppiamento della personalità: crede di essere egli stesso Riemann. Attraverso i suoi dialoghi con lo psichiatra che lo ha in cura possiamo entrare nel mondo complesso e affascinante dei numeri.
Stefania Piazzino, L'uomo che credeva di essere Riemann, e/o




Noir urbano, che racconta con ironia le storie di ragazzi e ragazze - come ce ne sono tanti, a Pechino - che cercano di sopravvivere inventandosi lavori, venendo a patti con la criminalità, percorrendo tutti i vicoli nascosti che una metropoli del genere offre a chi è costretto ad ogni tipo di sotterfugio.
Xu Zechen, Correndo attraverso Pechino, Sellerio






La storia di Pim, ragazzo che, finita la scuola, decide di diventare macellaio, il più bravo del mondo. La sua passione è simile all'innamoramento, e il suo rapporto con la carne, gli animali uccisi, il rituale della macellazione è totale, e Pim ne cerca la perfezione. Vincitore del Premio Georges Brassens nel 2012.
Joy Sorman, Come una bestia, nottetempo

Nessun commento:

Posta un commento