21 novembre 2017

I nostri consigli - Non-fiction

Autore di testi fondamentali come "L'eroe dai mille volti", durante la sua lunga carriera Campbell ha accolto con piacere ogni occasione gli fosse offerta per comunicare la propria visione dei miti, la sua vera passione: oltre a scrivere, ha tenuto lezioni e seminari e ha accettato con entusiasmo di essere intervistato. Il piacere di parlare con persone che condividevano i suoi stessi interessi e di esplorare insieme «il passato dell'umanità, saggiandone le profondità più oscure ed elevandosi alle altezze più gloriose» è quello che si respira in questa lunga conversazione «a puntate» con Michael Toms. Al centro di tutto ci sono ovviamente gli studi compiuti da Campbell fin dagli anni '20, spaziando dalla cultura dei nativi americani alla spiritualità orientale, dallo sciamanesimo alle religioni occidentali. Per lui la mitologia ha prima di tutto «la funzione di risvegliare e preservare nell'individuo un senso di meraviglia e di partecipazione al mistero di questo universo, decisamente imperscrutabile», ed è per questo che riflessioni più specifiche lasciano spesso spazio ad apparenti «divagazioni» che parlano della natura profonda dell'uomo, del suo bisogno di miti, della sua vocazione più autentica e del suo avvenire nel mondo. Attraverso un appassionato confronto di idee in questo libro viene delineandosi «un emozionante e visionario viaggio nel futuro, con una guida sapiente che faceva uso delle mappe del passato per illuminare il cammino». E una grandiosa celebrazione dello spirito umano e della vita.
Joseph Campbell, Sulla via del mito, Lindau 2017

Per secoli i filosofi hanno cercato di capire se ciò che vediamo corrisponde davvero a ciò che c'è «là fuori». Da Platone a Matrix, il dubbio ci ha sempre assalito: la «cosa in sé», l'esistenza oggettiva, indipendente dal nostro sguardo, è vera o è un'illusione? Le neuroscienze hanno la risposta: è un'illusione, noi non vediamo la realtà. E hanno anche una spiegazione del perché: il nostro cervello non si è evoluto per guardare la realtà, ma per fare altro. Solo il 10% delle connessioni neurali riguarda la visione; il restante 90% è per lo più costituito da un'immensa e sofisticatissima rete interna, che lavora incessantemente per dare un senso all'informazione proveniente dall'esterno. E «dare un senso», in termini evolutivi, significa costruire un modello del mondo che consenta di sopravvivere e riprodursi al meglio. Tutte le migliori scelte di sopravvivenza fatte dai nostri antenati, dunque, sopravvivono in noi; le peggiori sono invece morte con loro senza lasciare discendenza. Costruiamo attivamente un mondo che ci appare reale perché ci è utile. Si tratta di un mondo che naturalmente ha una relazione con la realtà, ma non è la realtà. Usando le neuroscienze percettive, Beau Lotto ci offre un libro effervescente, che ha uno scopo preciso: mostrarci come la consapevolezza della differenza tra percezioni e realtà possa portare a sviluppare una nuova creatività, sul lavoro, in amore, ovunque. Ma se il nostro cervello è una manifestazione della nostra storia evolutiva, come possiamo noi «uscirne», guardarlo «da fuori» per innovare il nostro futuro?
Beau Lotto, Percezioni, Bollati Boringhieri 2017

Avete mai provato a entrare nella testa del vostro psicoanalista? E in quella di una donna? Alessandra Saugo non ha paura di mettere a nudo le nevrosi che tormentano lei e tutte le altre donne. Per farlo, si concede una seduta con il suo psicoanalista. E sceglie una prospettiva insolita. Non quella della paziente, ma quella di chi deve ascoltarla, e misurarsi con la lunga serie di storie dal significato ambiguo, di problemi e di domande senza risposta che ogni giorno le assillano non solo la mente, ma anche il corpo. Perché, scopre Saugo e noi con lei, il corpo è l'orizzonte di lettura di tutte le nostre reazioni, dei nostri stati d'animo. La mente non può nascondergli nulla. Il corpo è un'arma a doppio taglio. E il bersaglio degli imperativi più subdoli della nostra società, come "Devi essere bella!" o "Devi essere magra!", ma è anche il canale attraverso il quale a questi imperativi ogni donna può opporre resistenza, facendo trionfare la propria singolare e irriducibile bellezza. Una bellezza fatta della propria storia personale, dei propri pensieri e, non ultime, delle proprie nevrosi.
Alessandra Saugo, Metapsicologia rosa, Feltrinelli 2017

Il Mediterraneo è un mistero. Vi aleggiano personaggi oscuri, salvifici, pericolosi, presenze ineffabili in grado di attrarre flotte di girovaghi, pirati turchi inseguiti dagli acerrimi nemici genovesi, anonimi piloti inabissatisi nei pressi dell'isola di Alboran, vichinghi giunti navigando il Dnepr e il Mar Nero, eremiti superstiti e dimenticati. Un arabesco di storie che da geografia disegnata su un foglio diventa manuale di esistenza, mappa alla ricerca geosofica del senso. Seguendo le sue rotte potremmo sconvolgere le categorie della conoscenza, finendo col misurare la terra col canto, tracciare i confini con i colori delle spezie, usare i ricordi per contare le miglia, o le idee per riempire il volume delle cose. E allora le carte mostrerebbero ben altro dal semplice profilo delle coste. Semmai il comune dolore e l'ebbra euforia che condividiamo con chi crediamo diverso da noi, solo perché abita sull'altra sponda di questo mare. Quella che sta lì, di fronte a noi, e che ancora non conosciamo.
Simone Perotti, Atlante delle isole del Mediterraneo, Bompiani 2017

Nessun commento:

Posta un commento